Verona, all'Ic Forti la gita si fa online

Verona, all’Ic Forti la gita si fa online

Sei tappe da raggiungere grazie a un cruciverba
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La gita è sempre la gita anche quando si fa online. Devono averla pensata così gli insegnanti della scuola primaria “Achille Forti” dell’istituto comprensivo 15. Uno di loro si è collegato esternamente con lo smartphone e ha portato in casa dei bambini paesaggi, natura e anche la loro scuola.

Tutta la classe prima A si è collegata con il computer
con l’obiettivo di andare alla scoperta del territorio attraverso sei tappe da raggiungere grazie alla soluzione di un cruciverba contenente tutte parole che vertevano su regole e argomenti trattati durante questo primo anomalo anno di scuola.

Il maestro armato di cellulare ha portato i ragazzi al Laghetto Squarà a Montorio per poi salire fino al castello della frazione Borgo Venezia, alla ricerca di una quercia studiata in scienze e, dopo la piscina Belvedere e i giardini di Borgo Trieste si è fatto ritorno a scuola. Una bella esperienza per gli alunni di prima che altrimenti avrebbero perso questa unica occasione per sperimentare una gita.

Gli insegnanti hanno messo insieme la didattica e la bellezza della scoperta del territorio riuscendo a far vivere ai bambini un viaggio virtuale nella loro città.  Nelle sei tappe programmate sono state trovate sei parole magiche che, alla fine, hanno formato la frase “Siete stati veramente i più Forti” giocando con il nominativo della scuola alla quale appartengono. Ora non resta che pensare al rientro a scuola e alla possibilità di fare questa gita in presenza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it