Ruby Falls, un misterioso thriller a fumetti fuori per BAO

Scritto da Ann Nocenti e disegnato da Flavia Biondi, il romanzo grafico è in libreria dal prossimo 11 giugno
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
Roma – Dall’11 giugno è fuori in Italia per BAO Publishing “Ruby Falls”, un thriller appassionante che scavalca i limiti del tempo scritto dalla leggendaria sceneggiatrice Ann Nocenti e disegnato dalla notevole Flavia Biondi, per la prima volta alle prese con un progetto americano, che le è valso il plauso di nomi come Emil Ferris e Jeff Lemire. Un misterioso caso irrisolto è il filo conduttore che lega le esistenze di tre generazioni di donne della stessa famiglia nel paesino di Ruby Falls.
 
«Questo paese si chiamò così dopo che l’acqua divenne rossa. All’epoca era un villaggio di minatori e scavarono nella roccia rossa. Gli anziani dicono che invece il nome sia dovuto a una storia sanguinosa. La leggenda dice che un giorno il fiume tornerà a essere rosso.»
 
Lana è una ragazza a cui vanno stretti tanto il sonnolento paesino dove è nata e vive, Ruby Falls, quanto i suoi stessi panni. Comincia le cose e le lascia a metà, non ha direzione ed è spesso in contrasto con la madre Greta. Quando però la nonna, Clara, ricoverata in casa di riposo e poco lucida, parla di un omicidio cui avrebbe assistito da bambina, Lana per qualche motivo le crede, e comincia a indagare.
Sollevare le pietre del passato rivela spesso verità scomode, e non è detto che a tutti faccia piacere.

Il pericolo si fa inevitabile e Lana, aiutata dalla sua ragazza, l’acrobata Blair, non avrà più scelta e dovrà, per una volta, andare a fondo della faccenda, se vuole salvarsi la vita.

Il volume ha una copertina realizzata in esclusiva da Flavia Biondi per l’edizione italiana.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Fabrizia Ferrazzoli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it