Scuola, ultimo giorno alla Ferrante-Aporti di Roma: la recita si fa online

Scuola, ultimo giorno alla Ferrante-Aporti di Roma: la recita si fa online

La 4B riunita per festeggiare la fine dell'anno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In cucina, in salone o in cameretta. Sono le location della recita di fine anno, rigorosamente a distanza, della classe IVB del plesso ‘Ferrante Aporti’ dell’Istituto comprensivo ‘Via Nitti’ di Roma. Telecamere accese e microfoni aperti per docenti, studenti e genitori, tutti connessi, per festeggiare insieme la fine di un anno scolastico particolare. Un anno dove meritano tutti “10 e lode, abbiamo imparato una grande lezione nella materia scuola della vita” sottolinea Caterina D’Amato, maestra d’inglese.
Lo meritano i bambini, gli insegnanti ma anche i genitori che si sono trasformati in docenti a tempo pieno supportando la scuola, come ricorda la maestra Tiziana Borrelli commossa.

Come ogni recita di fine anno che si rispetti, il discorso iniziale è affidato a un video messaggio della dirigente scolastica Elisamarzia Vitaliano; dopo aver ringraziato studenti e famiglie per la collaborazione dimostrata in questo difficile periodo, la preside ricorda che la scuola non si fermerà neanche durante le vacanze: “Stiamo lavorando per il prossimo anno scolastico, sicuramente non sarà come prima, ho ancora bisogno della collaborazione di voi ragazzi, dei vostri genitori, so che sarete bravissimi ad aiutarci per garantire la sicurezza”.

Dopo gli adulti è stato il turno dei veri protagonisti, occhi vispi e labbra sorridenti. Gli studenti della IVB tirano fuori le maschere degli animali da loro realizzate per impersonificare i protagonisti delle favole che a piccoli gruppi hanno inventato in questi mesi di lockdown. Ogni gruppo prende la parola, uno alla volta leggono i loro racconti, emozionati e fieri del lavoro svolto. “Siete stati lavoratori instancabili” dice alla fine la maestra Rosa Colucci. Ad applaudirli, collegato, anche Luca Aquilanti, autore di storie per i bambini dal quale i ragazzi hanno tratto ispirazione e indicazioni.

Sul finale le piccole mani degli studenti si muovono veloci sugli schermi per salutare compagni e maestre, le voci si sovrappongono a ricordare il brusio delle aule e dei corridoi della scuola. Si salutano felici di andare finalmente in vacanza, salutano la ‘nuova’ scuola entrata nelle case di tutti, come ricorda l’abbaiare di un cane che si mescola alle voci degli studenti. “Buona estate ragazzi!”, “Grazie maestre”. D’un tratto una vocina squillante chiede “Maestra ma classroom rimarrà attiva durante l’estate?”, “Certo” è la risposta che dimostra ancora una volta che la scuola non si ferma.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it