Magic: The Gathering, rimosse 7 carte razziste

Magic: The Gathering, rimosse 7 carte razziste

Wizards Of The Coast rivede il suo database
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il gioco di carte collezionabili più popolare del mondo si schiera contro le discriminazioni. Wizards Of The Coast ha deciso di rimuovere da ‘Magic: l’Adunanza’ (‘Magic: The Gathering’ in originale) tutte le card riconducibili al razzismo.
Le carte prese in esame, 7 in totale, saranno bandite dai tornei e rimosse dal database online del gioco. Al posto delle loro immagini, comparirà la seguente dichiarazione: “Abbiamo rimosso questa immagine dal nostro database a causa della sua illustrazione razzista, il testo, o la combinazione delle due cose. Il razzismo in ogni sua forma è inaccettabile, e non ha spazio nel nostro gioco, né altrove”.

Tra le carte rimosse, ‘Invoca Pregiudizio’, stampata nel 1994, che raffigura un boia con il cappuccio appuntito e un’ascia. “La carta è razzista- si legge sul sito di Magic– ed è resa peggiore dal multiverse ID con cui è stata sfortunatamente codificata anni fa”. L’URL con cui è identificata la carta nel database, infatti, termina con ‘1488’, i cui numeri, ’14’ e ’88’, sono accostati agli slogan dei neonazisti e dei sostenitori del potere bianco.

La carta “non avrebbe mai dovuto essere pubblicata” si legge sul sito. “E siamo dispiaciuti per questo. Gli eventi delle scorse settimane e le conversazioni riguardo a come possiamo supportare al meglio le persone di colore ci hanno spinti a esaminare noi stessi, le nostre azioni, e le nostre inazioni”. Infine, “Apprezziamo tutti coloro che ci aiutano a riconoscere quando non facciamo abbastanza. Avremmo dovuto essere migliori, possiamo essere migliori, e saremo migliori”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it