Potrebbero esistere 36 civiltà aliene nella nostra galassia. Lo studio

Potrebbero esistere 36 civiltà aliene nella galassia. Lo studio

La ricerca è stata pubblicata su The Astrophysical Journal
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sì, no, forse, chissà. L’esistenza di vita intelligente nell’universo è stata da sempre al centro di dibattiti e ricerche, scientifiche e non. Secondo un nuovo studio, solo nella nostra galassia, la Via Lattea, esisterebbero almeno 36 civiltà aliene, tecnologicamente avanzate come la nostra e in grado di comunicare.

alieni esistono

Per giungere a questa conclusione, un team di ricercatori dell’Università di Nottingham ha utilizzato le conoscenze attuali sulla formazione dei sistemi stellari e degli esopianeti al di fuori del nostro sistema solare.

In primo luogo, gli scienziati hanno calcolato la distribuzione per età delle stelle nella Via Lattea, cercando quelle datate almeno 5 miliardi di anni e abbastanza grandi e dense da ospitare i sistemi planetari. Ancora non esiste una stima esatta dell’età della nostra galassia, ma le stelle più antiche risalgono a oltre 13 miliardi di anni fa. In confronto, con i suoi 4,5 miliardi di anni, il nostro sistema solare è un quartiere galattico “giovane”.

Dopo aver trovato un buon numero di stelle qualificate, utilizzando i dati sulla distribuzione degli esopianeti, i ricercatori hanno stimato il numero di pianeti rocciosi all’interno delle zone abitabili di quelle stelle. Successivamente, hanno anche calcolato quali di questi pianeti avrebbe potuto avere elementi idonei per la costruzione di tecnologia radio.

Dopo aver scremato i candidati sulla base di altri calcoli, sono riusciti a ottenere un risultato interessante. Se la vita su altri pianeti si è evoluta come quella della Terra, esisterebbero 36 civiltà extraterrestri intelligenti e comunicanti nella Via Lattea. Tuttavia, la vita aliena più vicina disterebbe 17000 anni luce.

Ovviamente si tratta di una ipotesi basata su calcoli e probabilità, ma non per questo poco affascinante. Lo studio è stato pubblicato su The Astrophysical Journal.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it