Eclissi anulare di Sole: il 21 giugno lo spettacolo dell'anello di fuoco

Eclissi anulare di Sole: il 21 giugno lo spettacolo dell’anello di fuoco

Il fenomeno sarà parzialmente visibile dall'Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

L’estate si apre con un affascinante fenomeno celeste: il 21 giugno è prevista un’eclissi anulare di Sole.
In particolare, gran parte dell’Africa, tra cui la Repubblica Centrafricana, il Congo e l’Etiopia, oltre al sud del Pakistan, India settentrionale e Cina, potranno ammirare un anello di fuoco nel cielo.  L’eclissi raggiungerà il picco intorno alle 8.40 del 21 giugno, per concludersi un paio di ore dopo. In Italia il fenomeno sarà visibile parzialmente.

Ma come avviene questo fenomeno? E in cosa si differenzia dalle eclissi totali?

Eclissi anulare di Sole che cos’è?
Premessa.

Un’eclissi di Sole si verifica quando la Luna, in fase di novilunio, si interpone direttamente tra la Terra e il Sole, gettando un’ombra sulla superficie del pianeta.
L’orbita terrestre intorno al Sole è un’ellisse, non un cerchio: questo significa che ci sono volte in cui la Terra è più vicina alla nostra stella e viceversa.
Lo stesso vale per l’orbita della Luna attorno alla Terra, che è anch’essa ellittica e non circolare.

Il fatto che un’eclissi si verifichi è insieme un caso di meccanismi celesti e di tempo.
Da quando la Luna si è formata circa 4,5 miliardi di anni fa, si è progressivamente allontanata dalla Terra (di circa 4 centimetri l’anno).
In questo momento la Luna è alla distanza ideale per apparire nel nostro cielo esattamente della stessa dimensione del Sole.

Un’eclissi solare anulare di Sole è un tipo di eclissi parziale che si verifica quando la Luna è direttamente allineata tra la Terra e il Sole ma si trova in apogeo, ovvero alla massima distanza dal nostro pianeta.

A causa della sua posizione, che la fa apparire più piccola rispetto al Sole, non è in grado di bloccarne completamente la vista dalla Terra come accade nelle eclissi totali, lasciando scoperto solo il bordo esterno.
Questo anello luminoso che dà il nome all’eclissi anulare, è colloquialmente definito come “anello di fuoco”.

Ecco come appare un’eclissi anulare di Sole.

Fasi di un’eclissi solare anulare

L’eclissi solari anulari possono durare per un paio d’ore dall’inizio alla fine.
Tuttavia, la fase in cui è visibile “l’anello di fuoco”può variare da pochi secondi fino a diversi minuti.

La durata massima di un’eclissi anulare è stata di 12 minuti e 30 secondi.

Ci sono 5 fasi distinte di un’eclissi anulare di Sole:

Primo contatto — inizia l’eclissi parziale (5.45 ora italiana).
L’ombra della Luna comincia a diventare visibile sopra il disco del Sole.
Per alcuni secondi prima dell’inizio dell’eclissi completa, possono essere visibili i cosiddetti grani di Baily, degli effetti ottici-luminosi che che assomigliano a perle di luce della Luna.
Secondo contatto — inizia l’eclissi anulare (6.47 ora italiana).
Si apre l’anello di fuoco.
Massima eclissi anulare di Sole (8.40 ora italiana).
La Luna blocca completamente il centro del disco solare.
L’atmosfera esterna del Sole o fotosfera è visibile solo in forma di un anello luminoso intorno al disco scuro della Luna.
Terzo contatto — termina l’eclissi anulare (10.32 ora italiana).
La Luna inizia a muoversi via dal disco del Sole.
Ancora una volta, i grani di Baily sono visibili lungo il bordo principale della Luna.
Quarto contatto — si conclude l’eclissi parziale (11.34 ora italiana).
La Luna termina la sua sovrapposizione al disco del Sole.
L’eclissi si conclude in questa fase.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it