La rinascita di Ernia passa per "Gemelli", il nuovo disco

La rinascita di Ernia passa per “Gemelli”, il nuovo disco

Tra rap e pop, l'artista milanese regala 12 tracce in cui si mette a nudo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È un viaggio a doppio binario quello che porta Ernia al suo nuovo disco. È su tutte le piattaforme “Gemelli”, terzo lavoro della carriera del rapper fuori per Island Records.

L’artista milanese, al secolo Matteo Professione, torna a due anni da “68” con 12 tracce che segnano la sua rinascita. “Ho scritto questo disco a metà tra due periodi della mia vita, ho iniziato che ero un’altra persona. È un periodo sereno del mio percorso, son felice di quello che sono, sono tranquillo”, scrive il 26enne su Instagram. Ernia si racconta e si mette a nudo, senza timore di essere giudicato mostrando quelle due anime – una più scura e una più luminosa – che lo guidano e alla fine del viaggio si ritrova diverso. 

  1. Vivo
  2. Superclassico
  3. Puro Sinaloa feat. Tedua, Rkomi e Lazza
  4. Morto dentro
  5. Non me ne frega un c∗∗∗o feat. Fabri Fibra
  6. Ferma a guardare
  7. Meryxsempre con Shiva
  8. U2
  9. Pensavo di ucciderti feat. Luchè
  10. Cigni
  11. Fuoriluogo feat. Madame
  12. Bugie

Da un lato il rap puro e crudo si unisce parallelamente a pezzi con sfumature dal sapore pop. Due medaglie della stessa faccia in un disco che già dal titolo esprime le sue intenzioni. E il flow di Ernia restituisce un progetto sicuramente più maturo dei precedenti, nato naturalmente senza pensare troppo ai risultati o alle classifiche. Almeno, questo è quello che si percepisce ascoltandolo.

I “Gemelli”, però, sono anche i “fratelli” – così li chiama Matteo sui social – che collaborano nel disco. Nella tracklist troviamo, infatti, Fabri Fibra, Rkomi, Lazza, Tedua, Luchè, Shiva e Madame. “Essere gemelli – si legge sotto uno dei post di Ernia – significa essere fratelli. Tutti gli ospiti del disco sono artisti che nel loro modo di essere mi sono vicini, chi nella vita, chi nella musica, chi nelle insicurezze, chi nell’ispirazione”. E a proposito di ispirazione, “Puro Sinaloa” (traccia numero 2) nasce dalla base di “Puro Bogotà” dei Club Dogo.

L’uscita del disco, però, è accompagnata da “Superclassico”, primo singolo di questa era.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it