Catania, all'Ic Patti in cento al colloquio online di terza media

Catania, all’Ic Patti in cento al colloquio online di terza media

Intervista alla dirigente scolastica Francesca Amore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CATANIA – L’esposizione di un elaborato da discutere online è la modalità con cui 100 studenti e studentesse di terza media dell’istituto comprensivo ‘E. Patti’ di Trecastagni (Catania) stanno affrontando la prova di terza media per conseguire il diploma e passare alle superiori.

“Ciascun alunno- ha spiegato la dirigente scolastica Francesca Amore– ha un tempo massimo di 20 minuti per esporre il proprio lavoro in videoconferenza su G Suite, davanti al consiglio di classe. Non sostengono un esame e la presentazione non è una tesina. Si tratta di un elaborato prodotto in autonomia dall’alunno e può essere realizzato in forme diverse: un testo scritto, una presentazione anche multimediale, una mappa o insieme di mappe, un filmato, una produzione artistica, tecnico pratica o strumentale”.

A fine colloquio, ogni studente, dopo qualche minuto di pausa, si ricollega alla piattaforma e riceve la valutazione dell’elaborato.

“Classificare, raccogliere, comparare e catalogare documenti, relazionarsi in piattaforma- prosegue la preside Amore- sono tutte competenze che i nostri alunni hanno acquisito durante i mesi di Dad. Mentre negli anni passati il voto finale scaturiva da una media esclusivamente matematica, in quest’anno singolare abbiamo dato spazio ad una valutazione più ampia e distesa, creando delle vere e proprie rubriche di valutazione che contemplano, inoltre, l’interesse, la partecipazione, il comportamento, il metodo di studio e finalizzate a tenere conto del percorso di studio di ciascun alunno”.

La preside siciliana sottolinea come la didattica a distanza non possa sostituire l’insegnamento in presenza:

“Fatta bene- conclude- la Dad funziona ed i risultati sono stati notevoli. Rilevante l’impegno dei ragazzi quest’anno, è stato faticoso per loro stare per ore a studiare davanti ad un monitor, ma sono riusciti ad ottenere risultati anche brillanti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it