Roma, l'arte entra in classe all'istituto Piaget-Diaz

Roma, l’arte entra in classe all’istituto Piaget-Diaz

Dal 27 giugno online opera realizzata da studenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’arte entra in classe e conquista gli studenti dell’istituto ‘Piaget-Diaz’ di Roma che con gli autori di ‘Guide Invisibili’ hanno realizzato l’opera ‘Ti racconterò di me’ disponibile online dal 27 giugno. L’opera prende vita nell’ambito del laboratorio di auto narrazione sonora e sound art tenuto da ‘Guide Invisibili’ per una classe di studentesse della sede di Via Nobiliore del ‘Piaget-Diaz’, situata nel quartiere Don Bosco.

Attraverso registrazioni ambientali, interviste e condivisione di segreti davanti al microfono, è emerso il complesso puzzle delle relazioni familiari e d’amore, del rapporto con le amicizie e con la città che abitano. Il racconto parla di amore, famiglia, solitudine, bullismo e identità, una ricerca sonora sul mondo dell’adolescenza dalla prospettiva di quindici ragazze.

Il lavoro è stato realizzato per essere fruito nell’area intorno a Piazza Don Bosco e invita il singolo ascoltatore a scoprire un pezzo di Roma da una prospettiva unica e irripetibile, a vivere l’adolescenza nei panni di una ragazza di 15 anni, anche nei suoi aspetti negativi. La traccia sarà disponibile sul sito della Fondazione Pastificio Cerere e sui canali social di Collezione Di Classe dal 27 giugno e sarà inviata via mail a tutti coloro i quali vorranno fare l’esperienza passeggiando per il quartiere.

Il progetto ha subito alcuni rallentamenti dovuti all’emergenza nazionale legata alla diffusione del Covid-19. Tuttavia, le tecnologie si sono rivelate un’ancora di salvezza, permettendo di portare avanti in modalità remota molte attività che altrimenti si sarebbero fermate. 

“Siamo stati chiamati, dunque, ad una nuova sfida, quella di continuare a mantenere vivo il contatto con studenti e studentesse in un momento condizionato da paure e isolamento sociale. In questa fase-spiegano gli organizzatori- tutti hanno capito l’importanza della socialità e del rapporto tra pari, e ancora una volta l’arte si è dimostrata uno strumento utile a far comprendere ai partecipanti le dinamiche sociali, a sviluppare e condividere”.

Nonostante le difficoltà a proseguire i laboratori dal vivo, è andata avanti la produzione delle opere che a settembre, alla ripresa del nuovo anno scolastico, saranno allestite nelle quattro sedi dell’istituto ‘Piaget-Diaz’ di Roma. La conclusione del progetto sarà accompagnata da un video documentario e un booklet digitale che racconteranno l’esperienza vissuta da artisti, professionisti e studenti durante quest’anno così particolare.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it