Il CNEL lancia una consultazione pubblica per i giovani

Il CNEL lancia una consultazione pubblica per i giovani

L'iniziativa, realizzata in collaborazione con Diregiovani, è indirizzata principalmente ai ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado e delle università
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro ha varato una Consultazione pubblica con l’obiettivo di raccogliere le aspettative dei giovani e il loro punto di vista su alcuni temi di stretta attualità come l’Europa, il lavoro, la scuola, l’università e i servizi pubblici.

L’iniziativa, svolta sulla base dell’articolo 10 del regolamento degli Organi del CNEL, è indirizzata principalmente ai giovani delle scuole secondarie di secondo grado e delle università, di età compresa tra i 14 e i 24 anni, ma è aperta a chiunque voglia partecipare ed è realizzata in collaborazione con il portale Diregiovani.

A differenze delle due precedenti consultazioni svolte dal CNEL, questa sarà articolata in brevi questionari periodici sul sito del CNEL (link
https://www.cnel.it/Comunicazione-e-Stampa/Consultazioni-pubbliche
/Consultazione-pubblica-dei-giovani-italiani) e si svilupperà su un arco temporale più ampio, che parte a giugno, in via sperimentale, e proseguirà a settembre con la ripresa delle scuole.

“Le indicazioni, i pensieri e le aspettative che raccoglieremo attraverso la Consultazione, come già avvenuto per quelle sul futuro dell’Europa e sulla sicurezza stradale, diventeranno la base da cui partire per costruire iniziative legislative, osservazioni e proposte da sottoporre al Parlamento e al Governo per il futuro dei nostri giovani e per il mondo che verrà”, ha dichiarato il presidente CNEL Tiziano Treu.

Clicca qui per rispondere al questionario, bastano solo cinque minuti!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it