Vorremmo avere un figlio ma siamo un po confusi...

Vorremmo avere un figlio ma siamo un po confusi…

Ciao,
sono Anna ed ho 33 anni. Io e il mio compagno, con cui convivo da 3 anni, vorremmo avere un figlio ma poi, quando ne parliamo, ne usciamo sempre confusi e non sappiamo se realmente questo sia il momento giusto.
Il desiderio c’è, siamo molto innamorati e pensiamo che un figlio potrebbe essere una svolta meravigliosa ma pensiamo anche a tutto quello che sta accadendo e al futuro.
Lui è in cassa integrazione e non ha molto chiaro se riuscirà a rientrare a lavoro ed io lavoro part-time.
A volte penso che se dovesse esserci una ripresa del virus non vorrei affrontarla in gravidanza con il timore per la salute del mio bambino.
Una mia amica che ha partorito ad Aprile mi ha raccontato che è stata dura per lei affrontare il parto da sola e non vorrei trovarmi nella stessa situazione.
Come facciamo  prendere la decisione giusta? a volte mi sento in colpa per il fatto di avere tutti questi pensieri negativi su una cosa bella.

scusate lo sfogo
Grazie

 

Anna, 33 anni


Cara Anna,
comprendiamo i tuoi pensieri così contrastanti e il timore per ciò che riserva il futuro.
E’ più che normale fare queste riflessioni. Prima di tutto perché quando si progetta di “metter su una famiglia” questo richiede una buona consapevolezza e la valutazione di alcuni aspetti fondamentali (la condivisione del desiderio che deve essere presente in entrambe, la situazione economica, la personale ed altrui serenità psicologica). 
Ancora di più bisogna considerare lo stato mentale in una situazione dove l’incertezza è dominante e genera disorientamento. Ci scrivi infatti che spesso vi sentiti confusi.
Sono stati mesi davvero duri per tutti e ripartire con un progetto così importante, seppur meraviglioso e pieno di speranza, non è semplicissimo.
Tuttavia, ci sembra che sia un desiderio comune, che la coppia sia solida e in grado di “navigare a vista” in questa situazione complessa.
Dall’esperienza del Lockdown possiamo trarre molti insegnamenti, tra questi la capacità di tener duro e di trovare l’energia anche in momenti bui.
La resilienza è proprio questo: la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà.
Per quanto riguarda la gravidanza vedrai che in ogni caso gli ospedali saranno preparati, probabilmente più di prima, ad accogliere mamme e bambini con l’obiettivo di preservare al meglio il loro benessere (nell’ipotesi di una ripresa dei contagi).
Non sappiamo se questo accadrà nell’immediato o se ci vorrà del tempo dunque anticipare quello che sarà il futuro è davvero complicato e in questo momento non ti aiuta a prendere una decisione lucidamente.
Ci sembra di aver capito che c’è un buon dialogo con il tuo compagno e che viaggiate su una linea comune, siamo sicuri che riuscirete a fare la scelta migliore.
Torna a scriverci se ne senti il bisogno.
Un caro saluto!

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it