Da Salvini a Gasparri. Fedez e Dargen D'Amico contro tutti in "Roses"

Da Salvini a Gasparri. Fedez e Dargen D’Amico contro tutti in “Roses (Imambek Remix)

Il brano è su tutte le piattaforme da oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  Da Salvini a Gasparri, passando per i preti e Dell’Utri. Fedez e Dargen D’Amico si scagliano contro tutti nel loro nuovo singolo “Roses (Imanbek Remix)”. I due aggiungono le loro strofe sul pezzo del collega statunitense Saint JHN

D’altronde, Fedez aveva avvisato i suoi followers sul testo, pieno di riferimenti potenzialmente “offensivi”. Il rapper, però, è abituato a querele e denunce varie. E su Twitter i fan ironizzano sulla situazione.

Ecco nello specifico i testi. 

Il testo di Fedez 

(Om) Io vi chiedo pardon
(Om) Mica come i Benetton
(Om) Se il marito di Chiara Ferragni
(Om) Non vuole fare pezzi reggaeton
Quest’anno niente bagno ultima spiaggia (Salò)
Salvini non può più rubare ai poliziotti il pedalò
Niente trenino Brigitte Bardot
Chissà se Totò userebbe Tik Tok (Uuh)
Senza testa l’uomo sopravvive pochi istanti
Eccezion fatta per Gasparri
Esco a prendere un po’ d’aria come ha fatto Dell’Utri
Ma mi rinchiudo in casa appena sento due starnuti (Ecciu’)
Hanno vietato i selfie, è inutile che discuti
A me gli esseri umani non mi sono mai piaciuti
Località montana, fine settimana
Fare sudoku con il mentalista di Mentana
Prenoto la pensione come Attilio Fontana
“Questa pianura era tutta Padana”
Regalo delle rose ad uno affetto stabile

“Oh, cazzo sei Fedez regalami uno stabile!”
Nuovi divieti dentro i decreti
Meglio bimbe di Conte che bimbi dai preti
Sogno un rosé, il Salento per me
Ma c’è Rocco Casalino che mi caccia dal privé

Il testo di Dargen

Ah, che notte strana ho sognato di vivere in tutta l’Italia ma (Ah)
Ancora non ho capito se lei mi odia o se lei mi ama
In Italy la critica è lunatica e fanatica, che fatica! (Ah)
Ci vuole almeno un mese per amare
Per ammazzare invece basta un click
Quando finalmente scendo verso il centro sembro la tribù dei Visigoti
Prova a nascere dove siamo nati e vedi che poi la differenza la noti
Però se bevo rosé sono felice e sono distratto
E sei così bella che, o divento libero o divento matto
Ma tuo padre sfonda la porta, spara col canna mozza (Ahi)
Accidenti che botta, dice che ti ho sedotta, dice che ti ho corrotta con la mia rosa (Ahi)
Mi ha sparato a una spalla, non ne avevo la colpa
(E anche se avessi) E anche se avessi avuto la colpa avrei preferito la coscia
La vita è corta, accidenti se è corta

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it