Palermo, Azzolina visita istituto Falcone nel mirino dei raid

Palermo, Azzolina visita istituto Falcone nel mirino dei raid

E sulla ripresa delle lezioni a settembre: "Banchi singoli e moderni per nuove forme di apprendimento"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PALERMO – Visita della ministra per l’Istruzione Lucia Azzolina all’Istituto comprensivo Giovanni Falcone dello Zen 2 di Palermo, che nelle scorse settimana è stato preso di mira da una serie di raid vandalici e furti. Azzolina è stata accolta nella struttura dalla dirigente scolastica Daniela Lo Verde, dal prefetto Giuseppe Forlani e dal personale dell’istituto. “Grazie per tutto quello che fate”. Così la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, rivolgendosi ai docenti. “Siete voi i veri eroi del Paese perché lavorate in condizioni davvero difficili”, ha aggiunto Azzolina. Accanto alla ministra anche il direttore dell’Ufficio scolastico regionale Stefano Suraniti. “Finalmente la Sicilia ha un direttore dell’Ufficio scolastico – ancora Azzolina -. Si è dovuto attendere anche troppo”.

RAID ISTITUTI? NON CI PIEGHIAMO, BALUARDO LEGALITÀ

“La scuola non si piega. Offendere la scuola significa offendere lo Stato e questo non lo permetteremo mai: ne’ io da ministro dell’Istruzione, né la dirigente scolastica né la comunità scolastica lo permetteremo mai”.  “La scuola è baluardo di legalità e di socialità – ha aggiunto Azzolina -, è baluardo dello Stato”. La ministra ha ricordato che “sulla sicurezza della scuola Falcone e di altri istituti di Palermo siamo intervenuti – le sue parole – e metteremo degli impianti di videosorveglianza lavorando insieme con questura e prefettura. Impianti di videosorveglianza e monitoraggi continui da parte delle forze dell’ordine – ha concluso – spero possano dare una mano alla dirigente e ai nostri studenti che hanno il diritto di non abbandonare i quartieri in cui sono nati”.

AZZOLINA: SE NECESSARIO LEZIONI ANCHE NEI LUOGHI DI CULTURA

“Se fosse necessario faremo anche lezioni ordinarie fuori dalla scuola, ma nei luoghi di cultura: parlo di cinema, musei, teatri, archivi e biblioteche”. Lo ha detto la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, parlando con i cronisti a margine della visita alla scuola, sulla ripresa delle lezioni a settembre. “Portare gli studenti in quei luoghi è un valore aggiunto che serve – ha proseguito Azzolina – perché da soli non ci andrebbero”. La ministra dell’Istruzione ha poi continuato: “Abbiamo l’obiettivo di migliorare gli spazi attualmente disponibili, cercarne degli altri fuori dalla scuola, anche per avvicinare gli studenti al mondo della cultura, e potenziare l’organico dei docenti e del personale Ata”.

BANDO DA 236 MLN PER LIBRI E DEVICE A MENO ABBIENTI

“Abbiamo attivato un bando Pon da 236 milioni di euro: ogni scuola secondaria di primo grado potrà avere fino a centomila euro, e le scuole secondarie di secondo grado fino a 120mila euro, per comprare libri di testo, device e zainetti agli studenti meno abbienti .La scuola deve arrivare a chi ha più difficoltà – ha sottolineato -. Nessuno deve restare indietro, a maggior ragione in terre come la Sicilia”.

BANCHI SINGOLI MODERNI PER NUOVE FORME APPRENDIMENTO

Stiamo lavorando molto bene con il commissario Arcuri. Stiamo investendo dei soldi per acquistare dei banchi singoli che possano essere arredi moderni e che possano restare: si tratta di investimenti strutturali per le nostre scuole che, quando potremmo avvicinarci un po’ di più, permetteranno anche forme di apprendimento nuove e innovative”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it