Il mare verticale. Un fumetto che parla di passione e malattia

Un graphic novel che non ha paura di indagare le fragilità dell'animo umano, scritto da Brian Freschi e illustrato da Ilaria Urbinati

Roma – Si chiama “Il mare verticale” il graphic novel di Brian Freschi e Ilaria Urbinati, in uscita per BAO Publishing il prossimo 9 luglio. La protagonista, India, è una giovane maestra elementare che cerca di convivere con attacchi di panico così forti che a volte la paralizzano. Ha un fidanzato, che è spesso via per lavoro, e una classe di bambini adorabili, a cui spesso racconta delle storie. India non scappa dalla malattia, la affronta, ma la pressione dei genitori dei bambini perché lei sia allontanata dal lavoro a scuola comincia a pesarle addosso come un macigno, perché tutti pensano che sia meglio nascondere il suo problema piuttosto che parlarne apertamente. Una storia delicata e toccante, che non ha paura di illuminare le fragilità dell’animo umano. «Gli eroi nelle storie non vincono sempre. Però possono continuare a provare senza mai arrendersi. Forse è questo il loro vero potere.»

Brian Freschi, classe 1993, scrive racconti per la rivista online “L’Inquieto” prima di diplomarsi in sceneggiatura presso l’Accademia Internazionale di Comics a Firenze. Dal 2015 collabora con il collettivo Manticora Autoproduzioni (Der Krampus, Le Piccole Morti, Maison LàLà, Nessuno ci farà entrare) e con diverse realtà del fumetto italiano. Gli anni che restano (BAO Publishing) è il suo primo graphic novel.

Ilaria Urbinati, nata in comunità montana e torinese di lungo corso è illustratrice e graphic novelist. Inizia a disegnare sui muri di casa intorno ai due anni e decide di non smettere e così ha illustrato libri per bambini e ragazzi con editori italiani e stranieri come Disney, Mondadori, DeAgostini, Il Castoro, Giunti, Erickson, Little Bee Books. Nel frattempo i suoi disegni sono apparsi in progetti di McDonald’s, Science Magazine, Barilla, Unilever. Da tre anni tutte le settimane illustra la Posta del Cuore del quotidiano La Stampa.

2020-07-06T12:40:00+02:00