L'anteprima del MEI è "A Basso Volume" per Paolo Borsellino

L’anteprima del MEI è “A Basso Volume” per Paolo Borsellino

Appuntamento in diretta streaming alle ore 19:00 del 19 luglio. Tanti gli ospiti, da Baccini all'Orchestra "Falcone Borsellino"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Roma – Il 19 luglio si accendono i riflettori del MEI 2020 con una speciale anteprima “A Basso Volume”. Il Meeting delle Etichette Indipendenti dedica una manifestazione a Paolo Borsellino in occasione dell’anniversario della sua morte. L’appuntamento è alle ore 19.00, in diretta streaming sul sito e sui social ufficiali del MEI.

L’evento indagherà il rapporto tra musica e lotta alla criminalità attraverso brani, interventi, letture, video e tanti altri contributi. Parteciperanno associazioni, istituzioni e artisti. Fra gli ospiti musicali, confermati i cantautori Francesco Baccini e Peppe Voltarelli, il rapper Maurizio Musumeci in arte Dinastia, Daniele Guastella feat. Luca Madonia (già vincitore di Musica contro le Mafie), Le Frequenze di Tesla e l’Orchestra “Falcone Borsellino” dell’ente no profit La Città Invisibile. Tutti gli artisti sono invitati a partecipare all’evento inviando brani sul tema.

Intanto, il MEI e gli Stati Generali della Musica Indipendente ed Emergente hanno presentato in audizione alla 7^ Commissione del Senato dedicata alla cultura un piano di rilancio del settore musicale e degli spettacoli dal vivo, in seguito all’impatto dovuto all’emergenza sanitaria.

A rappresentare 20 associazioni, 1000 aziende, 3 mila artisti e 100 festival del settore, il patron del MEI Giordano Sangiorgi, che ha parlato in veste di coordinatore degli Stati Generali 

«È fondamentale attivare un tavolo culturale, politico e tecnico che sia unitario e metta a pari dignità i grandi e i piccoli protagonisti della filiera musicale, che insieme costruiscono il futuro della musica del nostro paese – ha dichiarato Giordano Sangiorgi – È necessario coinvolgere tutti quelli che possono essere coinvolti, perché il settore degli spettacoli trovi finalmente un inquadramento legislativo e giuridico definitivo e attuale». 

Il MEI 2020, giunto al suo 25° anno, è in programma il 2, 3 e 4 ottobre. La rassegna trasformerà Faenza in una vera e propria città della musica con concerti, presentazioni musicali e letterarie, convegni e mostre, affiancati da una parte espositiva rivolta agli operatori della filiera musicale con l’obiettivo di sostenere la crescita e la diffusione di una cultura musicale indie ed emergente.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it