Ostia Antica Festival 2020, “Il Mito e il Sogno” va in scena dal 14 luglio

Ostia Antica Festival 2020, “Il Mito e il Sogno” va in scena dal 14 luglio

Annunciato il cartellone della rassegna. In programma, tra gli altri, la Murgia, Brachetti e l'Orchestra Sinfonica Città di Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – «Il Covid19 non ferma l’edizione 2020 de ‘Il Mito e il Sogno’, la rassegna di spettacoli musicali e di prosa che si svolge nel Teatro romano di Ostia antica», ad annunciarlo è Filippo Gambari, il direttore del parco archeologico. 
 
L’appuntamento, al via il 14 luglio e in programma fino alla seconda metà di settembre, conferma un cartellone con prestigiosi nomi della scena nazionale teatrale e musicale. Spazio ai grandi classici ma anche alla comicità per quanto riguarda il teatro, per la musica invece orchestre, concerti rock e cantautorato. L’apertura di martedì 14 luglio è con “Il Grande Cinema in Concerto” dell’Orchestra Sinfonica Città di Roma diretta dal m° Pier Giorgio Dionisi. Con l’ensemble anche il Video Artist Alessandro Roberti. In scena le musiche di Piovani, Williams e Zimmer e Morricone;  proprio a Ennio Morricone, Opera in Roma, a pochi giorni dall’improvvisa scomparsa, desidera dedicare questo concerto.
Si inaugura invece il 30 luglio Anthology, una rassegna nella rassegna con la direzione artistica di Gilda Petronelli e Stefano Saletti: 5 concerti dedicati alla grande musica d’Autore, Pop e Rock del Novecento: Lucio Battisti, Queen, Genesis, Fabrizio De André, Pino Daniele. Si parte con “CANTO LIBERO” non un semplice concerto, ma un grande spettacolo che omaggia il periodo d’oro della storica accoppiata Mogol – Battisti. Sipario sul teatro venerdì 31 luglio con “Francesco Montanari rilegge i Menecmi di Plauto. La prima commedia degli equivoci” e poi l’1 agosto spazio alla comicità con Max Giusti in “Va tutto bene 2020”. Il 2 riflettori puntati sull’uomo dai mille volti con Arturo racconta Brachetti.
 
Torna poi Anthology con tre appuntamenti consecutivi: il 5 Bohemian Symphony – Orchestral Queen Tribute, il 6 gli ESTRO ripercorreranno le pagine più coinvolgenti della produzione dei Genesis e il 7 gli Hotel Supramonte con Michele Ascolese e Ellade Bandini suoneranno i capolavori di Fabrizio De André. Michela Murgia con il suo monologo “Dove sono le donne?” è la protagonista della serata dell’8 agosto.

II festival torna in scena venerdì 28 agosto con “THAT’S LIFE! Questa è la vita!”, il nuovo spettacolo teatrale di Riccardo Rossi, scritto dallo stesso insieme ad Alberto Di Risio, autore, tra gli altri, anche di Fiorello. Si prosegue il 29 con la comicità di Antonio Giuliani e il nuovo spettacolo Evergreen.

Settembre, il 5, si apre con “L’alfabeto delle Emozioni” di e con Stefano Massini; il 6 “Dal vivo sono molto meglio di e con Paola Minaccioni per la regia di Paola Rota. Il 10 settembre va in scena l’opera monumentale e di grande suggestione di Carl Orff “CARMINA BURANA – Cantiones Profanae”. Con la direzione artistica di Tina Belli, la direzione musicale del Maestro Giovanni Cernicchiaro, Monaldo Braconi e Desirè Scuccuglia ai pianoforti e Tactus Ensemble alle percussioni.

L’11 ultimo appuntamento di ANTHOLOGY con l’omaggio a Pino Daniele, presentato dal gruppo GENTE DISTRATTA che vede come ospite speciale, colui che per tanti anni è stato il percussionista preferito del cantante partenopeo: Tony Esposito.

Sabato 12 “Best of” con Lillo e Greg e con la partecipazione di Vania Della Bidia e del Maestro Attilio Di Giovanni. Il 17  è la volta di Claudio Bisio e Gigio Alberti in “Ma tu sei felice?” Una lettura-spettacolo dal libro di Federico Baccomo. Il 18 poi Dialoghi Sinfonici Ouverture e arie d’opera con EICO – Europa InCanto Orchestra, Direttore Germano Neri.

L’edizione 2020 de “Il Mito e il Sogno” si conclude sabato 19 settembre con Andrea Iacomini in La mossa di Tetsuya. Giornalista e Portavoce dell’UNICEF Italia, Iacomini ha deciso di portare in scena i diritti dei bambini e le bambine attraverso un monologo in cui si attraversano le sue esperienze nei luoghi più dimenticati della Terra.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it