Mahmood conquista tutti con "Dorado". Fuori il brano con Sfera Ebbasta e Feid

Mahmood conquista tutti con “Dorado”. Fuori il brano con Sfera Ebbasta e Feid

Ascolta il pezzo che ha come mascotte Bugs Bunny
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
ROMA – È su tutte le piattaforme da oggi ma è già nelle playlist di tutto il mondo. Mahmood ha pubblicato “Dorado”, il suo nuovo singolo con Sfera Ebbasta e Feid. Il cantautore si conferma hitmaker con un brano dalle atmosfere esotiche e latineggianti, perfette per regalare il pezzo dell’estate. E non solo in Italia.  Tra paesaggi lontani dalla Gratosoglio in cui è nato Mahmood, il testo racconta della scalata verso il successo di un ragazzo di quartiere. Un percorso in ascesa, arrivato quasi per caso, che riprende la strada fatta dall’artista dalla vittoria del Festival di Sanremo ad oggi. E il Bugs Bunny in copertina è simbolo di questo crescendo. “Ho scelto proprio Bugs Bunny nella copertina perché un po’ mi rappresenta”, ha detto Mahmood in un’intervista a RTL 102.5. Il perché è semplice: “Si ritrova sempre nudo con una carota in mano anche nelle situazioni più strambe, un po’ come è successo a me che ero sempre lì con questa faccia da scemo in tremila eventi senza capire bene dove mi trovavo”. È così che “Dorado parla di un viaggio onirico dove io parto dalla mia cameretta e mi immagino di essere catapultato in un mondo dorato, pieno di diamanti. È una trasposizione di quello che ho vissuto nell’ultimo anno – racconta Mahmood – perché son partito da casa mia a Gratosoglio e mi sono ritrovato a fare cene con Lenny Kravitz, assistere a sfilate a Londra, cose abbastanza strane per quello che ho sempre vissuto io.

Fan entusiasti su Twitter

Tanti i commenti su Twitter di fan entusiasti dopo i primi ascolti.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it