VIDEO | I rovere: "mappamondo è nata in videochiamata"

VIDEO | I rovere: “mappamondo è nata in videochiamata”

Abbiamo fatto una chiacchierata a distanza con Nelson Vinceslai, voce del gruppo bolognese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono la band rivelazione del 2019 e sicuramente quella da tenere d’occhio nei prossimi mesi se siete appassionati di indie pop. I rovere, rigorosamente con la r minuscola, da Bologna stanno conquistando pian piano sempre più persone e d’altronde è impossibile non rimanere colpiti quando li si ascolta per la prima volta. 

Nelson Venceslai, Luca Lambertini, Lorenzo Stivani, Marco Paganelli e Davide Franceschelli – in formazione rinnovata che ha visto l’entrata recente nel gruppo di Marco e Davide – sono attualmente su tutte le piattaforme per Sony Music con “mappamondo”, un brano che parla di come i compromessi, a volte, possano essere la via per la felicità, come ci ha spiegato – a distanza – Nelson, voce della band.

L’INTERVISTA↓

A distanza, ironicamente per un gruppo, è nata “mappamondo”. Un singolo che nasce durante il lockdown. “Ognuno di noi ha messo qualcosa, delle parti musicali o di testo – racconta Vinceslai – e alla fine il risultato finale è frutto del lavoro di tutti tramite videochiamata. Un lavoro solitario che poi diventa un lavoro di gruppo. È stato strano. Tra l’altro non l’abbiamo mai sentita insieme finché non ci siamo trovati in studio per registrarla”. Una novità per i rovere visto che “noi scriviamo tutto insieme e ce la viviamo sempre insieme la nostra musica”

Positività ma anche realismo sono gli elementi chiave che fanno dei rovere un progetto interessante. Nelson & company raccontano la vita dei ragazzi come loro in maniera diretta e senza troppi fronzoli e soprattutto facendosi tante domande su grandi problemi.

Con questa attitudine, i rovere hanno pubblicato lo scorso anno “disponibile anche in mogano” e “ultima stagione”rispettivamente primo album e primo EP. Due lavori che li hanno lanciati verso la “fama”. Quasi 90 mila followers su Instagram e 20 milioni di streams in pochi mesi. Numeri che li hanno portati ad aprire i concerti dei Pinguini Tattici Nucleari.

“Un battesimo del fuoco”, come lo definisce Nelson quello sul palco con la band di “Ringo Starr”. “Ci siamo dovuti formare subito – ricorda Nelson – abbiamo dovuto imparare subito e per fortuna davanti a noi c’erano dei maestri fantastici”

A cosa punta il “mappamondo” dei rovere in questo momento? “Siamo ancora super concentrati sullo scrivere musica – afferma Nelson- lo eravamo prima del lockdown, lo stiamo stati durante e lo siamo adesso. Vogliamo scrivere canzoni”. L’obiettivo è quello di “fare un disco che ci soddisfi al 100%”.

Se non vi bastasse la musica dei rovere, Nelson, Luca, Lorenzo, Marco e Davide sono inoltre i protagonisti di una graphic novel tutta su di loro: “disponibile anche a fumetti”, pubblicata l’11 giugno da Becco Giallo e disegnata da alcuni tra i migliori illustratori in circolazione, che hanno trasformano i rovere in un quintetto di supereroi capaci di grandi imprese attraverso la sola forza della musica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it