"DeadEndia", in arrivo la nuova serie animata horror di Netflix

“DeadEndia”, in arrivo la nuova serie animata horror di Netflix

Tratta dalle popolari graphic novel di Hamish Steele
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il mondo bizzarro, spaventoso ed esilarante di “DeadEndia” arriva su Netflix in una nuova serie animata in 2d. Tratta dalle graphic novel di Hamish Steele, questa commedia horror racconta le avventure di Barney, Norma e il magico cane parlante Pugsley, che si destreggiano tra il lavoro estivo nella casa degli spiriti al luna park locale e la lotta contro le forze soprannaturali (ma assolutamente reali) che vi si annidano. Con l’aiuto di Courtney, sardonico demone millenario che li guida nell’aldilà multidimensionale, affrontano mascotte zombie, diabolici presentatori di quiz, streghe succhiasonno e la cosa più paurosa di tutte: le prime cotte!

Le graphic novel hanno riscosso consensi per aver saputo rappresentare le difficoltà legate alla crescita e all’ingresso nel mondo adulto di personaggi dalle identità ed esperienze molto diverse, come l’adolescente transessuale Barney e la neurodiversa Norma.

La serie, prodotta nello studio londinese di Blink Industries, esordirà su Netflix in tutto il mondo nel 2021.

“DeadEndia è una storia di demoni spaventosi, fantasmi assetati di vendetta e magia misteriosa”, racconta il creatore Hamish Steele. “La serie parla anche del passaggio dall’adolescenza al mondo adulto in una realtà che ti va stretta. È un dramma su famiglie acquisite, identità ed errori commessi, ma è anche una commedia che fa ridere a crepapelle! Ho sempre sognato di realizzare la serie di cui avevo bisogno quando ero un ragazzino gay non dichiarato, solitario e appassionato di horror. Grazie a Netflix e a un gruppo di sceneggiatori e collaboratori di incredibile talento provenienti da una gamma di esperienze e realtà diverse, il risultato va ben oltre i miei sogni!”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it