Roma, all'istituto Einaudi tutti in classe dal 14 settembre

Roma, all’istituto Einaudi tutti in classe dal 14 settembre

Il racconto della vice preside: "Dad utile, ma ora bisogna tornare"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fare entrare tutti a scuola, dal 14 settembre, senza lasciare a casa nessuno. È questa la sfida contro il tempo dell’istituto ‘Luigi Einaudi’ di Roma, 1200 alunni con una media di 27-30 studenti per classe.

“Settembre è già domani, ma dobbiamo farcela per i ragazzi- racconta alla Dire la vicepreside dell’istituto, Marina Di Foggia- ho avvertito che per loro questo periodo è stato duro e che sentivano l’esigenza di tornare a scuola e stare insieme. Non potranno farlo come prima, ma vogliamo farli tornare comunque in classe, per fargli rivivere un’esperienza modificata di socializzazione”.

Così le classi vengono spostate come pedine: 4 classi (200 alunni) si spostano dalla sede centrale a quella succursale, e per ogni indirizzo viene individuata un’entrata specifica, con orari di ingressi e uscita scaglionati, e la campanella pronta a suonare più volte nell’arco di qualche ora. Due classi potrebbero fare lezione nel cortile, all’interno di una struttura specifica, e alcune nei corridoi, grandi e arieggiati. L’obiettivo è garantire tra tutti gli studenti il metro di distanza calcolato “tra le rime buccali”. Ma in attesa che arrivino i banchi innovativi, la scuola si è già mossa optando per un metodo più tradizionale: ha contattato un falegname che si occuperà di dividere in due i classici banchi biposto.

“Mi rendo conto che non si potrà risolvere tutto e che le risorse necessarie sono molte, e non tutte disponibili- continua la vice preside– ma voglio che i ragazzi tornino, e in sicurezza. Quando sono tornata a scuola dopo il lockdown mi sono sentita male. Mancava l’anima. Si era tutto fermato a quel momento. Quaderni, libri aperti. Sembrava che i ragazzi fossero scappati via come se ci fosse stata una guerra. Era rimasto tutto come lo avevano lasciato. E questo mi ha fatto malissimo e mi ha fatto capire quello che abbiamo attraversato”.

La gioia per il ritorno a scuola, si mescola quindi a paure e preoccupazioni del corpo docente e del personale Ata che a partire dal 24 agosto torneranno a lavoro per organizzare la ripresa. Poi, il 14 settembre, le porte dell’istituto si apriranno per tutti. “Sono preoccupata, ma non vedo l’ora”, conclude la vice preside.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it