La nascita di MTV: Blaze celebra il canale simbolo di una generazione

La nascita di MTV: Blaze celebra il canale simbolo di una generazione

Appuntamento questa sera alle 21.00
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È il primo agosto del 1981. Sulle tv degli Stati Uniti va in onda la rivoluzione: le immagini sono quello dello sbarco della Luna del 1969, solo che al posto della bandiera a stelle e strisce ce n’è un’altra, dai colori sgargianti e con la scritta MTV.

A quasi quarant’anni da quel giorno, sabato 1 agosto alle 21.00, Blaze (in esclusiva su Sky al canale 124) propone in prima visione assoluta La nascita di MTV: il documentario che ripercorre la genesi dell’emittente, che ha rivoluzionato la musica e il modo di seguirla in tv, lanciando artisti, mode e stili. 

Già dal suo esordio MTV (inizialmente acronimo di Music Television) ha impresso una svolta epocale alla scena musicale e televisiva americana: le scene dell’allunaggio dell’Apollo 11 sono introdotte dal creatore dell’emittente, John Lack con le parole ‘Ladies and gentlemen, rock and roll!‘. Il primo video trasmesso ha mostrato subito lo spirito del canale: si trattava di ‘Video Killed The Radio Star‘ della band britannica The Buggles, canzone paradigmatica che sottolineava come l’era della televisione e dei video avrebbe sostituito quella della radio.

MTV è divenuto in poco tempo il primo canale tematico di intrattenimento. Punto di riferimento per il mondo musicale (gli artisti facevano a gara per apparire sull’emittente televisiva), si è trasformato in un vero e proprio brand di pop-culture per generazioni di teenager e ricercatissimo dagli stessi sponsor

Attraverso immagini di archivio, lo speciale ricostruisce nel dettaglio il successo planetario del canale, dando la parola ai protagonisti di questa incredibile avventura: autori, VJ e, ovviamente, gli artisti: da Sting a Brian Ferry, da Billy Idol agli Eurythmics.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it