Il gameplay di Crash Bandicoot 4: It's About Time svelato allo State of Play

Il gameplay di Crash Bandicoot 4: It’s About Time svelato allo State of Play

In uscita il 2 ottobre per PS4 e Xbox One
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dopo i remake N. Sane Trilogy e Nitro Race, il marsupiale in blue jeans sta per tornare con una avventura tutta nuova. Nel corso dello State of Play, evento di presentazione dei giochi in arrivo sulle console Sony, è stato svelato un lungo gameplay di Crash Bandicoot 4: It’s About Time, nuovo capitolo della popolare saga videoludica lanciata nel 1996 per PlayStation 1.

Come nei primi titoli della saga, anche in ‘It’s About Time’ Crash si avvale di salti ed evoluzioni per sconfiggere i nemici, distruggere casse e raccogliere oggetti come la frutta Wumpa, vite extra e la maschera Aku-Aku.
Ma in questo quarto capitolo sono state introdotte alcune novità. Tra queste, la possibilità di giocare con Coco fin da subito e con altri personaggi sbloccabili nel corso del gioco (anche Dingodile), ognuno con abilità diverse.

Sono state aggiunte delle skin, ottenibili tramite gemme o completando un livello. I costumi serviranno solo per personalizzare i personaggi e non gli conferiranno nuove abilità.

Inoltre, sono stati introdotti i “Livelli N. Vertiti”, versioni alternative dei livelli già giocati, con meccaniche di gioco rivisitate. Una volta sbloccata questa modalità, sarà possibile rigiocare tutti i livelli del gioco con un nuovo stile grafico, nuove funzionalità e nuove sfide.

Crash Bandicoot 4: It’s About Time uscirà il 2 ottobre per PlayStation 4 e Xbox One. Probabilmente, arriverà in un secondo momento per le console next-gen PS5 e Xbox Series X. Nel frattempo, è possibile preordinare la propria copia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it