Il falso documentario invade le Langhe: al via il Piemonte Documenteur Film Fest

Il falso documentario invade le Langhe: al via il Piemonte Documenteur Film Fest

Da oggi e fino al 30 agosto quattro troupe al lavoro per realizzare un falso documentario, coinvolti anche abitanti e turisti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Il Piemonte Documenteur Film Fest – primo festival europeo incentrato sul genere del “falso documentario” – resiste al Covid. Al via oggi nelle Langhe il primo “ciak” per l’edizione 2020. Monforte d’Alba (comune capofila), Murazzano, Novello e Serravalle Langhe sono i set dove le quattro equipe, selezionate tra i team iscritti al Festival, realizzeranno un falso documentario con la partecipazione e la complicità degli abitanti del paese a cui saranno abbinati e dei turisti. Le troupe al lavoro  sono: Asterisco* (Paolo Bonfadini, Davide Morando, Irene Cotroneo), Gli orsi Marsicani (Alex Banzi, Francesco Meatta, Marco Sansoni), Quartetto Pigafetta (Alessandro Ingaria, Sandro Bozzolo, Gianmarco Serra) e Troupet (Maurizio Marras, Matteo Arcamone, Francesco Matteo Ceccarelli).
Tre i premi in palio: il Premio della giuria professionale: 3000 euro, il Premio del pubblico: proiezione del Mockumentary al Cinema Ambrosio di Torino per un intero weekend, in apertura dei film in programma e il Premio distribuzione: un contratto di distribuzione gratuito di un anno offerto dai partner Shortfit Distribution.

La giuria che decreterà il vincitore consta di diversi professionisti del settore: Sergio Troiano (Attore, doppiatore e Distributore – Cinema Ambrosio), Paolo Casalis (Regista – Produzioni Fuorifuoco), Pino Pace (Scrittore e sceneggiatore) Stefano Scarafia (Art director & Filmaker – Bodà), Marino Demata (Presidente – Firenze FilmCorti Festival), Lucila Riggio (Sales Agent – Shortfit Distribution).

Una settimana quella del PDFF all’insegna del cinema e non solo: oltre alle giornate di riprese per gli aspiranti cineasti, dal weekend ci saranno diverse attività organizzate dal Festival e l’opportunità di visitare paesi veri e propri fiori all’occhiello del Piemonte.

La proiezione finale dei falsi documentari quest’anno vedrà delle piccole restrizioni: in programma all’auditorium di Monforte d’Alba, ci saranno disponibili 250 posti.

Per chi non potrà partecipare di persona, verrà realizzato uno streaming sulla pagina Facebook: PiemonteDocumenteurFilmfest.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it