"Sono morta e risorta". Emma Marrone dice addio alla malattia

“Sono morta e risorta”. Emma Marrone dice addio alla malattia

La cantante ora si prepara alla nuova edizione di X Factor e al lancio del suo nuovo singolo, "Latina"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nella sua vita Emma Marrone sente sicuramente di essere “morta e risorta” più volte. L’ultima è sicuramente quando ha saputo di “definitivamente fuori dalla malattia”, come racconta dalle pagine di Grazia, nel numero in edicola questa settimana. 

“Quando ha squillato il telefono – ricorda l’ex Amici – era il mio medico. Ho pensato: ‘Ci risiamo’. Ho pensato che dovessi ricominciare tutto da capo. Invece mi diceva che in base agli ultimi esami sono uscita definitivamente dalla malattia“.

Emma può, quindi, definitivamente ritrovare la serenità dopo un periodo che l’ha vista vacillare e combattere di nuovo il tumore. Solo lo scorso anno, lo stop di tutti gli impegni lavorativi per una ricaduta. La paura e, poi, una nuova vittoria, come lei stessa ha annunciato a giugno: Ho fatto il controllo e per la prima volta dopo tanti anni mi sono sentita dire che va tutto bene bene veramente. Voglio mandare un messaggio di speranza: ce la farete anche voi”.

Emma, protagonista della copertina di Grazia, sta vivendo un momento d’oro, che stanotte la vedrà lanciare un nuovo brano su tutte le piattaforme, “Latina”. A settembre, invece, l’attenzione è tutta su X Factor, su Sky Uno da giovedì 17. Emma sarà giudice del programma per la prima volta, al tavolo con lei Manuel Agnelli, Hell Raton e Mika

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Grazia Italia (@grazia_it) in data:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it