The Weeknd ai VMA 2020 non festeggia. Chiede giustizia per Jacob Blake

The Weeknd ai VMA 2020 non festeggia. Chiede giustizia per Jacob Blake

Lo scorso giugno, il cantautore aveva donato 500mila dollari a tre associazioni nonprofit che si occupano di sostenere le campagne contro il razzismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È difficile festeggiare, dirò solo giustizia per Jacob Blake e per giustizia Breonna Taylor”. È con queste esatte parole che The Weeknd ha portato l’attualità agli Mtv Video Music Awards 2020, di scena la scorsa notte a New York.

L’artista, vincitore dei premi Video of the year per “Blinding lights” e Best R&B, ha voluto esprimere la sua vicinanza al movimento Black Lives Matter ritirando il premio sul palco.

Dopo aver ringraziato tutto lo staff coinvolto nelle riprese del suo videoclip e il regista Anton Tammi, Abel Tesfaye (questo il suo vero nome) ha preferito tagliare corto e chiedere che quanto successo a Jacob e Breonna, entrambi afroamericani, non resti impunito.

Il primo, 29 anni, è rimasto paralizzato a causa di 7 colpi d’arma da fuoco inferti alla sua schiena senza apparente motivo da un poliziotto a Kenosha, in Wisconsin. La seconda, 26 anni, è rimasta uccisa lo scorso marzo in una sparatoria nella sua casa di Louisville, in Kentucky. La polizia stava effettuando una perquisizione, a seguito di un’indagine per traffico di droga, nell’abitazione. Le dinamiche di quanto accaduto restano ancora poco chiare.

Tante le star che si sono esposte per chiedere la risoluzione di questi casi e la fine della violenza gratuita delle forze dell’ordine. The Weeknd così si è unito ai suoi colleghi lanciando un messaggio forte e chiaro, uno dei tanti. Lo scorso giugno, il cantautore aveva donato 500mila dollari a tre associazioni nonprofit che si occupano di sostenere le campagne contro il razzismo.

Protagonista senza grandi effetti speciali, a The Weeknd il compito di aprire i Video Music Awards. Prima del suo discorso, infatti, Abel si era esibito sul tetto di un grattacielo con la sua hit “Blinding lights”. “Riflettori accesi” su di lui e sul Black Lives Matter affinché nessuno venga dimenticato.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it