Calcio, nella 'Selecao' brasiliana uomini e donne avranno stesso stipendio

Calcio, nella ‘Selecao’ brasiliana uomini e donne avranno lo stesso stipendio

A stabilirlo la Confederacao Brasileira deFutebol (Cbf)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le giocatrici della nazionale di calcio del Brasile percepiranno lo stesso compenso economico dei loro colleghi maschi. A stabilirlo la Confederacao Brasileira de Futebol (Cbf), che ha deciso così di eliminare le differenze di genere tra le due anime della “Selecao”: uomini e donne riceveranno la stessa paga diaria sia durante le fasi di preparazione sia per le partite e riceveranno inoltre premi dello stesso importo in caso di vittoria o di qualificazione a un
torneo.

Secondo il quotidiano A Folha de Sao Paulo, prima di questo provvedimento le calciatrici percepivano le metà del compenso degli uomini per una singola partita: mentre ai giocatori venivano dati circa 500 dollari, alle giocatrici 250. Il presidente della Cbf, Rogerio Caboclo, ha comunicato che le atlete sono soggette a questo nuovo regime di pagamenti dallo scorso marzo. Fatta eccezione per un torneo amichevole in Francia, però, la nazionale non ha più disputato neanche una partita da allora, a causa della pandemia di Covid-19.

“Non c’è più differenza di genere, la Cbf tratta uomini e donne allo stesso modo” ha commentato poi Caboclo. L’adeguamento degli stipendi a quelli dei colleghi uomini, una misura già adottata in passato da Norvegia, Austrialia e Nuova Zelanda, non è l’unica novità introdotta dalla Cbf in tema di parità di genere. Per la prima volta due donne sono state infatti nominate responsabili del settore femminile della federazione: si tratta dell’ex capitano della nazionale Aline Pellegrino e di Duda Luizelli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it