Fabio Rovazzi diventa "Morte" in Call of Duty Warzone

Fabio Rovazzi diventa “Morte” in Call of Duty

Il nuovo personaggio giocabile disponibile per Modern Warfare e Warzone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Fabio Rovazzi entra nel mondo di ‘Call of Duty’. Il poliedrico artista ha ispirato un nuovo personaggio giocabile in ‘Call of Duty: Modern Warfare’ e nel suo dlc ‘Warzone’. Rovazzi interpreta e presta la voce all’operatore ‘Morte’, nome in codice di un ex soldato delle forze speciali del 1°Reggimento Col-Moschin, che presenta caratteristiche ispirate al genere cinematografico degli ‘spaghetti western’.

Via quindi il classico basco da soldato, sostituito da un cappello da cowboy, un poncho a coprire le spalle, barba incolta ed il classico movimento a ‘giravolta’ della pistola che rotea sull’indice nel momento dell’estrazione dalla fondina.

“Diventare un personaggio di ‘Call of Duty’ era un timido sogno, che però ho sempre avuto- ha dichiarato Rovazzi- farlo in questo modo, con un personaggio a cui presto le sembianze e la voce, è stato decisamente esaltante”.
Curiosa anche la storia di ‘Morte’, il cui ‘vero’ nome è Sergio Sulla, un ragazzo salernitano con la passione per i film western ed il sogno di diventare un tutore della legge. I suoi desideri si infrangono però contro il suo carattere duro e rabbioso, costringendolo al carcere minorile per aver ‘energicamente difeso’ dei malcapitati dall’attacco di bulli.

Interdetta la strada dell’uomo di legge, sceglierà quindi di arruolarsi come volontario nel Col. Moschin, servendo in Iraq e Libia, ma anche la divisa militare sta stretta e quindi la svestirà a favore di un incarico come operatore sotto copertura, scegliendo appunto ‘Morte’ come nickname, un tributo alla morte del suo sogno infranto, di diventare un tutore della legge.

‘Morte’ si unisce a ‘Captain Price’, ‘Ghost’, ‘Gaz’ e agli altri leggendari operatori di ‘Call of Duty’

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it