Giustizia per Willy, Ghali ai colleghi rapper: "Dove siete? Parlatene"

Giustizia per Willy, Ghali ai colleghi rapper: “Dove siete? Parlatene”

L'interprete di "Good Times" non ha usato mezzi termini per parlare della scena hip hop
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Ragazzi, ma i colleghi che non stanno dicendo niente su quanto accaduto a Willy? È tutto ok? Avete cose più importanti da comunicare in questo momento? Avete dei messaggi più importanti da comunicare in questo momento di Covid dove è tutto più o meno fermo? Parlarne distoglierebbe l’attenzione da quello che state promuovendo, dai vostri lavori, dalla vostra musica? Dove siete? È tutto normale per voi?”.

Inizia così il duro sfogo di Ghali sui social per chiedere di sensibilizzare il più possibile sulla vicenda di Willy Monteiro Duarte, ucciso da calci e pugni a Colleferro ma soprattutto – come sottolinea l’interprete di “Good Times” – “dall’ignoranza, dall’odio, dal razzismo e dagli ideali di 4 ragazzi del quale i familiari hanno risposto dicendo: era solo un immigrato”.

E si rivolge ai suoi colleghi rapper Ghali, apparentemente in silenzio su quanto accaduto al 21enne. “Per Black Lives Matter si sono tutti fiondati a pubblicare quadrati neri” ma “per Willy no”. Il musicista, poi, rincara la dose:

“Nel rap italiano ci si permette di dire e di fare delle cose che in altri paesi non si permetterebbe. Qui sembra lecito usare certi termini e esprimere certi concetti come se fosse ok. Le cose sono due: o non ve ne frega niente o siete molto simili o avete amici molto simili a quei 4 ragazzi e allora siete in un environment molto simile a quello perché nel rap italiano succede questo”. 

Cosa nello specifico lo spiega lo stesso Ghali? “Dagli addetti ai lavori alle security degli artisti con tatoo fascisti o cose simili”. E lo sfogo del 27enne continua in un’altra storia:

L’odio verso il prossimo non sembra volersi placare e lo sa bene Ghali, che in un post aggiunge:

“È un problema ricorrente nel nostro paese e mi ha fatto tornare in mente alcuni episodi della mia vita in cui l’ho scampata per un pelo, in cui aspetti che si stanchino di tirare calci e pugni, in cui chiedi pietà e il perché sperando di riuscire a rialzarti da terra”.

Per questo, ora è arrivato il momento che la giustizia vinca su questi atti:

“I veri criminali sono altri, i veri atleti sono altri.  Gli occhi di Willy sono altri. Gli occhi della nuova generazione, di chi è stanco di fare a pugni, di chi cerca altro, di chi a differenza mia e dei miei coetanei non ha bisogno di ribadire dei concetti basilari come quelli sulla violenza. Che questo sia l’ennesima sveglia per quanto sia inimmaginabile il dolore dei suoi cari. È così egoista fare di una tragedia una lezione ma infondo spero che lo sia per tutti.  Siamo stanchi, il pentimento tardivo non serve a nulla in casi come questo. Giustizia per Willy”.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it