Bari, all'Ic Losapio si torna in classe il 24 settembre

Bari, all’Ic Losapio si torna in classe il 24 settembre

Il preside: "Speriamo tutto questo possa finire quanto prima, restiamo ottimisti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BARI – “Per gli alunni dell’istituto comprensivo ‘Losapio-San Filippo Neri’ di Gioia del Colle (Bari), la riapertura dei cancelli scolastici è prevista il prossimo 24 settembre”.

Ad affermarlo, in un’intervista all’agenzia di stampa Dire, il dirigente scolastico Vincenzo Stea. I cinque plessi con quasi 1500 alunni complessivi, tra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado, ritorneranno in classe ad orari e con ingressi differenziati per evitare assembramenti.

“Due plessi- dice il dirigente– sono stati oggetto di edilizia leggera da parte degli enti locali, con l’ampliamento di alcune aule. I lavori stanno procedendo nei tempi previsti e nel giro di pochi giorni verranno completati. In altre aule, invece, per guadagnare spazio, sono stati tolti armadi ed altri arredi”.

Il preside evidenzia come tutti i dispositivi di sicurezza verranno applicati per contrastare la diffusione del Covid-19:

“I ragazzi delle elementari e medie indosseranno le mascherine tutte le volte che lasceranno i loro banchi. Nelle aule, infatti, verrà garantita la distanza di sicurezza di un metro dalle rime buccali. Per i docenti di sostegno, inoltre, sono previste mascherine chirurgiche FFP2 e apposite visiere”. “Siamo in attesa- aggiunge– dei banchi monoposto di cui avevamo fatto richiesta. Nel frattempo, ci siamo organizzati con i banchi singoli e biposto che avevamo a disposizione”.

Un discorso a parte meritano i bambini dell’infanzia:

“Gli ingressi saranno scaglionati anche per loro, ma abbiamo chiesto ai genitori di rispettare gli orari, mentre negli anni precedenti c’è stata una maggiore flessibilità. Ci stiamo organizzando per ridurre il numero di alcune classi e abbiamo fatto richiesta di due docenti in più per ampliare l’organico. Attendiamo, inoltre, un maggior numero di operatori scolastici”.

“Speriamo che tutto questo possa finire quanto prima- conclude Vincenzo Stea- restiamo ottimisti. Stiamo attuando tutte le disposizioni del ministero dell’Istruzione, ma siamo consapevoli che, con tutte le misure di prevenzione, i rischi da contagio non possono essere azzerati. Nel caso in cui, un alunno dovesse accusare sintomi influenzali, verrà accompagnato nella cosidetta aula-covid dal referente scolastico che provvederà ad allertare i genitori, come da protocollo. Se una o più classi dovessero essere messe in quarantena, sarà garantita la continuità scolastica con la Dad, attraverso la piattaforma G- Suite”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it