Roma, dirigente liceo Gullace: "Finora tutto bene"

Roma, dirigente liceo Gullace: “Finora tutto bene”

Il bilancio positivo ma cauto di Alessandra Silvestri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La prova del primo giorno è andata molto bene, c’è voluto uno sforzo sovrumano, che però è stato ripagato e gli studenti hanno rispettato con ordine le misure preventive. Sinceramente ero tesissima, perché l’organizzazione è articolata e avevo paura che non funzionasse, invece è andato tutto bene e abbiamo anche ricevuto molte email di apprezzamento dai genitori”.

È il bilancio di Alessandra Silvestri, dirigente scolastica del Liceo ‘Gullace’, sulla riapertura di ieri. Se da un lato si dice molto soddisfatta della ‘prova generale’, dall’altro rimane cauta sugli sviluppi successivi, anche perché fino al primo ottobre la scuola ha deciso di accogliere solo le classi prime.

“Per il momento tutto bene, ma siamo cauti- aggiunge- nelle prossime due settimane entreranno solo le classi prime, che già da oggi sono a tempo pieno, mentre le altre sono in Dad. Dal primo ottobre poi rientreranno tutte le classi facendo uno, o al massimo due, giorni di Dad e gli altri in presenza, questo per evitare il sovraffollamento degli spazi”.

Fra le altre misure innovative messe in campo per permettere un rientro in sicurezza, la scuola ha anche istituito la figura dei ‘Coach Covid’.

“Mutuando un’idea di un’università olandese, abbiamo individuato due collaboratori scolastici, identificabili tramite una maglietta con la scritta ‘Coach Covid’, che si occupano di seguire gli spostamenti dei ragazzi- spiega la dirigente Silvestri- in particolare all’ingresso, quando è più alto il rischio di assembramenti, fanno entrare gli studenti uno per volta in fila e distanziati, garantendo l’ordine e la sicurezza di tutti”. 

Come si evince a livello nazionale, anche al liceo ‘Gullace’ i problemi più gravi ora sono due: le cattedre scoperte e il ritardo nelle consegne dei banchi monoposto.

“La mancanza di docenti è un gran problema- ammette Silvestri- la cosa gravissima è che le graduatorie sono state pubblicate solo oggi, con troppo ritardo per i tempi tecnici che prevede la convocazione. Per fortuna però sono già arrivati gli insegnanti di sostegno, che saranno fondamentali per gli studenti più fragili. I banchi monoposto non sono ancora pervenuti, ma il direttore generale mi ha assicurato che arriveranno entro la fine di ottobre”.

Per far fronte ai ritardi, il liceo ‘Gullace’ intanto sperimenta con successo delle soluzioni alternative.

“Nel frattempo abbiamo installato una bellissima aula nel giardino- conclude la dirigente- con dei tavoli di legno comprati da noi, dove le classi vanno a fare lezione in rotazione, e devo dire che se la litigano”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it