Stranger Things 4, tra pochissimi giorni il primo ciak

Stranger Things 4, tra pochissimi giorni il primo ciak

Nella nuova stagione l'atteso ritorno di Hopper
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Finalmente possono partire le riprese della quarta e attesissima stagione di Stranger Things, in arrivo nel 2021 (forse) su Netflix. Bloccati a causa del lockdown, i fratelli Duffer batteranno il primo ciak il prossimo 28 settembre.

Nella quarta stagione vedremo il ritorno dello sceriffo Jim Hopper, già annunciato qualche mese da Netflix attraverso un teaset trailer. Il personaggio interpretato da David Harbour non è morto, ma vivo e vegeto. Alla fine della terza stagione, infatti, tutti lo credevano morto dopo aver chiuso il varco del Sottosopra per salvare la cittadina di Hawkins dai russi. Non sappiamo come sia riuscito a salvarsi, ma l’importante è che sia vivo. Il resto lo scopriremo nella quarta stagione.

Harbour, in un’intervista a Total Film, ha dichiarato accostato la figura di  Hopper a quella di Gandalf, protagonista della saga fantasy di J. R. R. Tolkien: entrambi i personaggi si sono sacrificati per la loro terra e, successivamente, sono tornati in vita.

Nel cast torneranno Finn Wolfhard (Mike), Brett Gelman (Murray Baumann) Priah Ferguson (Erica Sinclair), Millie Bobby Brown (Undici), Gaten Matarazzo (Dustin), Caleb McLaughlin (Lucas), Noah Schnapp (Will) e Sadie Sink (Max), ai più grandi Natalia Dyer (Nancy), Charlie Heaton (Jonathan) e Joe Keery (Steve), fino ad arrivare agli adulti come Cara Buono (Karen) e Winona Ryder (Joyce).

Stranger Things è la serie originale Netflix creata dai Duffer Brothers e prodotta da Monkey Massacre Productions & 21 Laps Entertainment. I Duffer Brothers sono produttori esecutivi della serie con Shawn Levy e Dan Cohen di 21 Laps Entertainment e Iain Paterson.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it