Scuola, Consulte provinciali: "Priorità votare per rinnovo rappresentanti"

Scuola, Consulte provinciali: “Priorità votare per rinnovo rappresentanti”

Intervista al presidente della Consulta di Latina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dai trasporti alle criticità della ripartenza, dalle elezioni dei rappresentanti di consulta al nuovo inizio dell’anno scolastico. Sono tanti i temi su cui i ragazzi e le ragazze delle consulte provinciali degli studenti sono a lavoro, malgrado l’emergenza sanitaria li costringa a video riunioni online e conferenze in streaming. Ma il dibattito non si è mai fermato.
La consulta provinciale di Latina, ad esempio, sta portando avanti un progetto di monitoraggio sulla ripartenza delle scuole, raccogliendo le segnalazioni e le problematiche dei diversi istituti. Ma la priorità è ora quella di garantire il regolare svolgimento delle elezioni dei rappresentati di istituto e di consulta, in programma entro fine ottobre.

“Stiamo parlando con il Comune e l’assessorato all’istruzione di Latina per organizzare incontri con i dirigenti scolastici- racconta a diregiovani.it Michelangelo De Nardis, presidente della consulta provinciale degli studenti di Latina e studente del liceo scientifico ‘Grassi’- stiamo cercando un modo per svolgere le elezioni in sicurezza. Abbiamo voglia e necessità di essere inclusi nei processi decisionali. La scuola è al centro di un cambiamento e gli studenti non possono rimanerne fuori. Abbiamo l’opportunità di cambiare e cerchiamo di farlo tutti insieme- continua- anche perché la rappresentanza studentesca è una palestra di democrazia. E se già da ora facciamo capire che non è importante, stiamo formando cittadini che non si recheranno mai al seggio”.

Ripartire dalla rappresentanza, quindi, per costruire cittadini più informati e impegnati dal punto di vista civico. Tra le idee proposte dalle consulte, c’è quella di svolgere le presentazioni dei programmi in videoconferenza per passare poi a un voto online o in presenza.

“Vogliamo far sentire la nostra voce non per lamentarci ma per aprire un dialogo con le istituzioni- aggiunge lo studente– Troppo spesso ci sentiamo esclusi dai processi decisionali. Ma il nostro impegno è importante e, se ben indirizzato, dà anche molti frutti”.

Tanti i progetti che la consulta provinciale degli studenti di Latina vuole sviluppare in questo 2020/2021, ma per il momento l’importante è impostare il lavoro: tornare a scuola in sicurezza, confrontarsi con gli altri studenti, e organizzarsi per far sentire la voce di ragazzi e ragazze.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it