Mia sorella maggiore ha iniziato un percorso per cambiare sesso…

Cari esperti,
conosco il vostro servizio e lo apprezzo molto.
Per questo ho trovato il coraggio di scrivervi anche se quello che ho da dire è una cosa delicata che mi sta capitando.
Da circa un anno mia sorella maggiore (io ho 16 anni e lei 19) ha iniziato un percorso per cambiare sesso. E’ una cosa che va avanti da un po’, nel senso che lei e i miei genitori ne hanno sempre parlato e so che sono andati più volte da medici. A me mi hanno tenuta sempre un po’ fuori dai loro discorsi e forse meglio così perché è una cosa che mi fa molto soffrire. A mia sorella voglio molto bene e non mi interessa se sarà un maschio per me il bene non cambia anche se la chiamerò in modo diverso.
Quello che mi crea molto disagio e spiegarlo agli altri, ad esempio alle mie compagne di classe non ho mai raccontato nulla ed evito di invitarle a casa. Però soffro e vorrei liberarmi ma per me è molto difficile.
Mi consigliereste come potrei fare? 
Grazie di cuore

 

Silvia, 16 anni


Cara Silvia,
intanto grazie per il tuo apprezzamento nei nostri confronti, ma soprattutto grazie per averci dato fiducia, aprendoti con noi e trovando il coraggio di raccontarci la situazione che stai vivendo.
Possiamo solo immaginare la sofferenza e il disorientamento che stai provando di fronte ad un evento così delicato qual è il percorso di tua sorella per cambiare sesso e con lei, inevitabilmente, tutta la famiglia.
Ci scrivi che è stato un bene che i tuoi ti abbiano tenuta fuori da alcune decisioni perché così hai evitato di star male; ma probabilmente ciò non ti ha riparato da una certa sofferenza che è inevitabile quando accadono delle cose ad un membro della famiglia e che coinvolgono tutti gli altri, poichè in famiglia si  è emotivamente legati come da un filo invisibile che unisce tutti.
Comprendiamo la sofferenza e la difficoltà a fare i conti con te stessa e con gli altri, con un evento complesso che può non essere facile da accettare.
Potresti provare a parlare con qualcuno della tua famiglia, con i tuoi genitori insieme o con uno dei due da sola se preferisci, del dolore e delle paure rispetto al cambiamento che sta affrontando tua sorella. E’ naturale che i tuoi abbiano cercato di proteggerti fin’ora, evitando di spiegarti qualcosa che forse anche per loro è stato complesso vivere, ma è importante per te e per loro comprendere che potrebbe essere arrivato il momento di coinvolgerti in ciò che sta accadendo poichè stai crescendo e forse vi sono adesso dei bisogni diversi che prima non avevi. Aprirti ed esprimerti con tua sorella potrebbe essere un altro passo, immaginiamo quanto potrebbe essere difficile, ma concediti del tempo, prima o poi riuscirai a dirle ciò che provi.
Riguardo la tua paura più grande di condividerlo con le compagne di classe , comprendiamo quanto tu possa temere il timore di valutazioni, reazioni, commenti o i pregiudizi. Anche in questo caso ti suggeriamo di prenderti del tempo, non c’è fretta di definire ciò che sta accadendo, probabilmente c’è prima bisogno di trovare un po’ di serenità in te stessa riguardo la scelta di tua sorella e forse il passaggio di dirlo all’esterno avverrà più facilmente di ciò che puoi pensare ora. Perciò non metterti obblighi che non hai, sei libera di difendere e proteggere questa tua parte più sensibile e preziosa fino a quando sarà per te necessario. Potresti poi valutare l’idea di rivolgerti ad uno psicologo per avere uno spazio in cui esprimere ciò che ti sta accadendo in famiglia e che è difficile esprime altrove; può essere importante essere sostenuta da una persona esperta in questo momento. Se esiste uno sportello d’ascolto nella tua scuola puoi recarti lì, oppure rivolgerti ad un consultorio o ancora parlare con i tuoi di questo tuo bisogno e valutare di rivolgervi ad uno psicologo privatamente.
Puoi continuare a scriverci s
e hai bisogno ancora di parlare e chiederci consigli.
Un caro saluto 

5 Ottobre 2020