Parma, Falstaff di Giuseppe Verdi diventa un film

Parma, Falstaff di Giuseppe Verdi diventa un film

A realizzarlo i ragazzi della quarta B della scuola primaria Ulisse Adorni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Chissà se Giuseppe Verdi avrebbe mai immaginato che la sua ultima opera sarebbe finita in un film realizzato da ragazzi. A farlo sono gli alunni della classe quarta B della scuola primaria ‘Ulisse Adorni’ di Parma. L’idea di mettere in scena il Falstaff, nasce fra i banchi di scuola su iniziativa di Massimo Tannoia all’interno di un piano di lavoro più ampio intitolato “Vieni ti racconto un’Opera”.

Le prove iniziano nel novembre del 2019 e proseguono con regolarità fino a febbraio 2020, ma l’emergenza sanitaria blocca la preparazione di quello che doveva essere un grande spettacolo di fine anno. Con la chiusura delle scuole, studenti e insegnanti hanno pensato che sarebbe stato interessante non accantonare il progetto ma farlo proseguire, riadattandolo, attraverso l’utilizzo della didattica a distanza e di Google Meet.

I bambini hanno mostrato fin da subito un grande entusiasmo e così, grazie anche all’aiuto di Sara Martin, direttrice del Centro per le attività e le professioni delle arti e dello spettacolo, la maestra Manuela Costa e gli alunni, sono partiti per questa unica avventura. Nasce così “Falstaff ai tempi del coronavirus”, un film sull’Opera di Giuseppe Verdi recitato per la prima volta da una classe della scuola primaria in video conferenza. Il progetto ha ottenuto il patrocinio della Città di Parma, in collaborazione con: l’Assessorato alla cultura, la rassegna Verdi Off, il Teatro Regio di Parma, La Casa della Musica, l’Istituto comprensivo Parma Centro, l’Università di Parma.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it