Su Arte.Tv un documentario su pittrici dimenticate

Su Arte.Tv un documentario su pittrici dimenticate

Protagoniste Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana e Artemisia Gentileschi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sofonisba Anguissola, Lavinia Fontana e Artemisia Gentileschi, sono le tre protagoniste de ‘La rinascita delle pittrici dimenticate’, il documentario di Hilka Sinning ora disponibile su Arte.Tv in italiano. Tre donne, vissute tra il XVI e il XVII secolo, tre pittrici che si ribellarono alla convinzione del tempo che non prevedeva la figura della donna dall’altra parte della tela. Lottarono e vinsero arrivando a ritrarre figure cruciali del tempo come i reali di Spagna e il Papa, conquistando l’ammirazione di colleghi illustri come Michelangelo e Van Dyck.

Simboli della pittura al femminile, riconosciute e apprezzate nel loro tempo sono state dimenticate a lungo dalla storia dell’arte. Furono sottratte all’oblio solo grazie al lavoro delle artiste femministe degli anni Settanta e oggi sono celebrate nelle mostre dei maggiori musei d’Europa: al Prado di Madrid sono state dedicate delle mostre a Sofonisba Anguissola e Lavinia Fontana, mentre Artemisia è ora in mostra alla National Gallery di Londra.

In questo documentario, diviso in tre parti, viene ricostruita la loro la storia e analizzate le opere, grazie a interviste e i contributi di esperti, storici e studiosi d’arte. Con il suo lavoro Hilka Sinning confeziona un ritratto moderno di queste tre coraggiose pittrici, capaci di venire ammirate e apprezzate in un mondo in cui le donne venivano per lo più relegate alla vita domestica, aprendo la strada alla libertà di espressione femminile e portando nell’arte lo sguardo, il tocco e la conoscenza femminile, confermandosi inoltre punto di riferimento per le artiste contemporanee.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it