Se non è ARF! è QUALCOS'ALTRO!

Se non è ARF! è QUALCOS’ALTRO!

Il 20, 21 e 22 novembre Silvia Ziche, Darwyn Cooke, Dave Johnson e le tavole di COme VIte Distanti in mostra - per davvero - al Mattatoio di Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – Gli organizzatori del Festival di storie, segni e disegni di Roma non lasciano la capitale a digiuno di arte e fumetto. ARF! che avrebbe dovuto aprire le porte ad autori e editori è rimandato a maggio 2021 ma, nel frattempo, diventa QUALCOS’ALTRO!
«Il più grande spettacolo dopo il lockdown» scrivono gli ARFers sui social per annunciare il ritorno per un intero weekend di mostre dedicate al fumetto – il 20, 21 e 22 novembre – al Mattatoio, il Museo d’arte contemporanea di Testaccio.
Una grande esposizione, allestita nel Padiglione 9B, con le tavole originali di Darwyn Cooke – uno dei veri innovatori del mediumfumetto – mostrate per la prima volta assoluta in Italia, le copertine di Dave Johnson, il poliedrico artista contemporaneo di comic book, asceso alla fama internazionale grazie a un capolavoro come Superman: Red Son, le riflessioni e avventure/disavventure dei personaggi di Silvia Ziche e le tavole degli oltre 80 autori del libro COme Vite Distanti.

Il manifesto che lancia “ARF! PRESENTA QUALCOS’ALTRO!” è illustrato da Silvia Ziche. Autrice Disney sin dal 1991, una firma costante del settimanale Topolino, ha creato storie a fumetti e vignette satiriche anche per Linus, Smemoranda, Comix e Cuore. Con Lucrezia, forse il suo personaggio più celebre nato per ‘Donna Moderna’, considerato il suo alter ego, oltrepassa il costume e la satira, toccando, attraverso libri come ‘E noi dove eravamo?’ o ‘L’allegra vita delle quote rosa’ tematiche tanto femminili quanto femministe: la lotta delle donne per l’emancipazione e la libertà, l’eradicazione del concetto stesso di patriarcato impresso nel nostro retaggio culturale. Un “attivismo disegnato” che non utilizza slogan, ma le matite, lo humour, l’acume e la sensibilità della pluripremiata autrice veneta.

L’opera di Darwyn Cooke (1962-2016), vincitore di tredici Eisner Awards, otto Harvey Awards e cinque Joe Schuster Awards, prosegue idealmente quel filo tematico inaugurato da ARF! nel 2019 con la mostra di Frank Quitely, cioè la ricerca di una personalissima cifra stilistica “autoriale” applicata alle grandi icone POP del fumetto mainstream nordamericano. L’autore canadese, prematuramente scomparso, è stato uno dei veri innovatori del medium fumetto, grazie al suo inconfondibile stile retrò che ha rielaborato in chiave moderna gli stilemi del noir e del fumetto supereroistico degli anni ’40, ’50 e ‘60. La mostra delle sue tavole originali a Roma, esposte per la prima volta assoluta in Italia, ripercorre tutto il suo percorso artistico, da Batman, Catwoman e tutte le leggende della DC Comics (The New Frontier) fino a The Spirit e i mutanti della Marvel, includendo momenti più adulti come il Parker dello scrittore Richard Stark o i Minutemen tratti dal Watchmen di Alan Moore.

La mostra dedicata a Dave Johnson celebra quella specifica parte del suo lavoro per cui è stato consacrato nel mondo: la sua attività da copertinista. Capaci di raccontare ed evocare interi mondi, di definire la linea editoriale stessa delle collane in cui vengono pubblicate, le straordinarie copertine di Johnson – grazie al proprio segno riconoscibilissimo e all’impressionante senso grafico nella gestione di equilibri e spazi – attraversano senza soluzione di continuità personaggi e generi: Batman, Superman, Hellboy, Lucifer, Deadpool, 100 Bullets, Harley Quinn e tanti altri, esposti con studi preparatori e illustrazioni inedite, mai viste prima in Europa.

E se ARF! 2020 si farà nel 2021, c’è comunque una grande ‘opera’ che lascia il segno oggi e nel tempo che verrà. COme VIte Distanti è infatti il libro ideato, voluto e curato dagli ARFers (in collaborazione con PRESS UP) che ha visto il mondo del fumetto italiano mobilitarsi per l’Istituto Nazionale Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani. Una storia corale scritta, disegnata e colorata da oltre 80 autori della scena nazionale tra cui Gipi, Zerocalcare, Sara Pichelli, Mirka Andolfo e Milo Manara. 62.385 gli euro raccolti grazie alla sua vendita on-line. L’iniziativa è stata unanimemente riconosciuta da lettori e critica come l’espressione più alta di coesione e generosità di un’intera categoria professionale. In mostra al Mattatoio tutte le tavole di COme VIte Distanti e, nel bookshop, una specialissima tiratura del volume. Il libro ha recentemente vinto il Premio Boscarato 2020 assegnato dal Treviso Comic Book Festival.

“ARF! presenta Qualcos’altro” è promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita Culturale e Azienda Speciale Palaexpo, con il sostegno della Regione Lazio; ARF! e Comicon fanno parte dell’Associazione nazionale RIFF – Rete Italiana Festival del Fumetto. La rassegna fa parte di Romarama, il programma di eventi culturali di Roma Capitale. Il biglietto d’ingresso è acquistabile solo online al costo di 10 Euro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it