Ripartire dalla legalità: webinar per un futuro digitale sostenibile

Ripartire dalla legalità: webinar per un futuro digitale sostenibile

Pirateria digitale in aumento in aumento durante il lockdown
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Contrastare l’illegalità nell’audiovideo, questo l’argomento del webinar dal titolo ‘Ripartire insieme dalla legalità – Lotta alla pirateria, strumenti di contrasto e promozione del mercato audiovisivo’, promosso dal Fapav, la Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali e Mia, Mercato Internazionale Audiovisivo. Nel 2019 i danni in termini economici per quanto riguarda la pirateria, si stimavano in ben 591 milioni di Euro, cresciuti esponenzialmente durante il periodo di lockdown, in cui in molti hanno preferito scaricare del materiale dal web, anche senza autorizzazioni. Federico Bagnoli Rossi, Segretario Generale della Fapav ha sottolineato come le autorità non hanno ceduto nel controllo, durante il lockdown, mantenendo alti i livelli di funzionamento degli apparati, soprattutto per quanto riguarda l’attività dell’AGCOM.

“La missione è quella di creare un ecosistema sano, pronto ad esser messo a disposizione del mondo audiovisivo, grazie ai nuovi poteri attribuiti ad AGCOM, che avrà la possibilità di sanzionare direttamente i colpevoli – ha affermato Bagnoli Rossi – Tra poco sarà oggetto di discussione anche la nuova direttiva sul copyright su cui FAPAV ha lavorato, per la stesura delle tre nuove proposte legislative”.

Giacomo Lasorella, Presidente di AGCOM ha posto l’accento su Internet e la mancanza di controlli, che non lo devono fare diventare un far west, senza regole di legalità. ‘Il COVID ha causato danni economici per oltre 100 milioni all’industria del cinema. La pirateria e la consumazione dei materiali in streaming sono molto aumentate.’ Stan Mcoy rappresentante della MPA Motion Picture Association, ha rincarato la dose, chiedendosi quale sia il futuro legato alla lotta contro la pirateria.

“Non riusciamo a contrastare la guerra dei dominii – ha affermato Mcoy– tantissime aziende illegali registrano dominii fittizi per attirare traffico web, usando il titolo di opere altrui. Dobbiamo combattere questa diffusione di siti, dobbiamo lavorare con le autorità di tutto il mondo”.

Al webinar hanno partecipato anche Massimo Lia, Procuratore della Repubblica del Tribunale di Gorizia e Giampaolo Letta Amministratore Delegato di Medusa, che ha così parlato della lotta per contrastare la pirateria soprattutto per quanto riguarda una delle ultime uscite cinematografiche della casa di produzione, il film Tolo Tolo:

“È stata monitorata la rete prima del rilascio del film sul mercato, per vedere quali siti pirata stavano già promuovendo l’uscita del film. Abbiamo fatto oscurare il 97% di questi siti grazie alla costante cooperazione con le forze dell’ordine”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it