La verità sull'asteroide in collisione con la Terra il 2 novembre

La verità sull’asteroide in collisione con la Terra il 2 novembre

La NASA conferma: nessun pericolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Se il mondo finirà nel 2020 non sarà per colpa dell’Universo. Lo assicura Neil deGrasse Tyson, popolare astrofisico e divulgatore scientifico che recentemente ha condiviso sui suoi social la notizia di una possibile collisione di un piccolo corpo spaziale con la Terra. L’asteroide 2018VP1 è grande più o meno quanto un frigorifero, ha scritto, e si dirige verso il nostro pianeta ad una velocità di 40mila chilometri all’ora. Potrebbe impattare contro la Terra il 2 novembre, il giorno prima delle elezioni in USA, ma anche se accadesse, è talmente piccolo da non causare alcun danno.

Anche la NASA è consapevole da tempo della traiettoria dell’asteroide, che ha le probabilità dello 0,41 per cento di entrare in contatto con l’atmosfera terrestre. E, anche se ci riuscisse, afferma l’agenzia spaziale americana, si disintegrerebbe a causa delle sue dimensioni estremamente ridotte.

Quindi niente allarmismi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it