Seoul Mafia arriva in libreria con 'Tutta colpa del K-pop'

Seoul Mafia arriva in libreria con ‘Tutta colpa del K-pop’

In uscita il 10 novembre per DeAgostini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Da ballerino italiano di K-pop in una band coreana a indiscussa star del web seguita da centinaia di migliaia di fan. Marco Ferrara, in arte Seoul Mafia, si racconta nel diario esilarante ‘Tutta colpa del K-pop’, in libreria per DeAgostini dal 10 novembre.

Dai canoni estetici al cibo più strano e alle regole per il k-corteggiamento, dai posti da visitare alle parole da imparare. Un libro pieno di emozioni e di risate, dove la web star svela tutti i retroscena dell’entertainment asiatico e le curiosità più assurde sulla cultura più amata del momento.

Le avventure di Marco iniziano su YouTube, dopo aver visto il primo video musicale K-pop. E’ amore alla prima visualizzazione e, da ragazzino insicuro e bullizzato dai compagni di classe, trova finalmente la motivazione che cercava per far emergere il vero se stesso. La musica, i vestiti, le coreografie e la ‘FAIGAGGINE’ interplanetaria dei cantanti lo trasportano in un mondo in cui si sente accettato, quello in cui un ragazzo con i capelli rosa può ballare, e non solo non viene insultato, ma viene addirittura idolatrato. E così, ecco che arriva l’illuminazione definitiva: Marco lascerà il suo paesello in Brianza per volare a Seoul – caotica e pazza megalopoli da oltre 10 milioni di abitanti – e diventare un vero idol, una popstar che si esibisce di fronte a migliaia di persone. Ben presto si trova intrappolato in un’accademia di formazione per aspiranti astri del K-pop, che si rivela un vero incubo, con prove da mezzanotte alle sei del mattino, scelto dal manager per portare un tocco… esotico al gruppo. Seoul Mafia diventa così il primo ragazzo italiano che è riuscito a farsi strada nel mondo dell’entertainment coreano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it