Al via la 'Staffetta di Scrittura di Cittadinanza e Legalità'

Al via la ‘Staffetta di Scrittura di Cittadinanza e Legalità’

Iniziativa organizzata dalla Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Biennale delle Arti e delle Scienze del Mediterraneo organizza la XVIII edizione della “Staffetta di Scrittura di Cittadinanza e Legalità”, promossa per sperimentare le opportunità didattiche e pedagogiche che derivano da lettura e scrittura di gruppo per determinare crescita, cittadinanza, inclusione e passioni. Con la Staffetta il cammino verso le competenze conduce a un dialogo compiuto e orientato ai valori che derivano da conoscenza e saperi.

La Staffetta è la più grande comunità di pratica educante in Europa che mira a sostenere e diffondere le attività di scrittura e lettura nelle scuole italiane. Circa 1500 scuole italiane di ogni ordine e grado offrono ai propri studenti l’occasione di raccontarsi e di conoscersi, ai tempi del Covid-19, attraverso le invenzioni della scrittura e le emozioni della lettura.

La Staffetta produce un libro composto da 10 capitoli ognuno scritto da una classe dello stesso grado di scuola. Un libro, tanti libri e tante scuole. Si tratta di uno straordinario esercizio di lettura e scrittura collettiva in cui una classe è impegnata insieme ad altre nove a realizzare un capitolo di un libro a partire da un incipit di uno scrittore. A coadiuvare docenti e alunni nel processo di stesura del capitolo vi è un tutor che supervisiona gli aspetti contenutistici e di editing del testo. Capitolo dopo capitolo si arriva, grazie all’utilizzo di una piattaforma online, alla realizzazione e stampa di un racconto scritto a più mani.

Alla scuola partecipante viene inviata l’intera collana di racconti relativa al proprio livello scolastico e una copia per ciascun alunno e docente partecipante. Su ciascuna copia sono citati, oltre alla classe e alla scuola, i nominativi di tutti gli studenti partecipanti all’azione, del dirigente scolastico e dei docenti.

La Staffetta è un progetto multidisciplinare che, attraverso un compito autentico, stimola la fantasia, sviluppa le competenze trasversali, promuove la collaborazione. Aderire alla Staffetta significa partecipare a una pratica sociale ed educativa che, ancora di più in questa fase di emergenza Covid, risponde a molteplici e complesse funzioni: “Fare memoria”, condividere e attribuire significati a esperienze vissute, stimolare la creatività dei ragazzi, aiutare il loro sviluppo cognitivo, affettivo ed etico-valoriale, sviluppare le competenze di lettura, ascolto, analisi, promuovere la capacità di cooperazione e l’apprendimento tra pari. Ma non solo. La Staffetta  è anche uno strumento che permette ai docenti di tutte le discipline scolastiche di formarsi e confrontarsi sulla progettazione di ambienti di apprendimento innovativi, inclusivi e motivanti, nonché di sperimentare metodi e strumenti di valutazione centrati sullo studente.

Inoltre, i docenti nei contenuti didattici della Staffetta ritroveranno molte corrispondenze con le tematiche previste dalle linee guida per l’insegnamento dell’educazione civica (Costituzione, legalità, sviluppo sostenibile, conoscenza e tutela del patrimonio e del territorio, cittadinanza digitale) che da quest’anno scolastico interessa per almeno 33 ore gli studenti di scuole di ogni ordine e grado.

La Staffetta si rivolge alle scuole di ogni ordine e grado e si differenzia in 5 categorie a cui corrispondono altrettante tematiche. All’interno di ogni categoria sono previste staffette speciali (matematica, scratch, musicale, coreutica, fotografica, delle famiglie, Albo senza parole, ecc.). Alla Staffetta si possono iscrivere classi o gruppi di max 26 alunni e il costo per ogni studente partecipante è di 7 euro. Per iscriversi visitare la pagina: www.bimed.net/2020/09/03/staffetta-di-scrittura-bimed-2020-21-si-riparte

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it