I Måneskin pubblicano il video di "Vent'anni", il nuovo singolo

I Måneskin pubblicano il video di “Vent’anni”, il nuovo singolo

Ieri, invece, la performance ad X Factor
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – È su YouTube da oggi il video di “Vent’anni”, il singolo che segna il ritorno dei Måneskin a due anni dal loro disco di debutto “Il ballo della vita”. 

Il videoclip ideato dai Måneskin, con la regia di Giulio Rosati, mette in scena le atmosfere del singolo, trasportando lo spettatore nell’universo di Damiano, Victoria, Thomas e Ethan.

Il dualismo cromatico delle scene principali vuole – proprio come recita la canzone – “spiegare cosa è il colore a chi vede bianco e nero”- e si mescola ad un gioco di luci, ombre e specchi in un crescendo, verso un finale in uno spazio aperto, su un albero, a simboleggiare uno sguardo di speranza per il futuro.

Scritta dai Måneskin e prodotta con Fabrizio Ferraguzzo, “Vent’anni” è una rock ballad cruda e contemporanea in forma di lettera aperta in cui si intrecciano i pensieri di Damiano con quelli del suo alter ego più maturo, dando vita a un dialogo che vuole incoraggiare i ventenni spesso già disillusi sotto il peso dei giudizi e delle incertezze sul futuro.

“Ho scritto quello che io stesso avrei voluto sentirmi dire da qualcuno più adulto ora che ho vent’anni”, racconta il cantante. Parole rivolte ai coetanei, ma che fanno ricordare anche a chi ventenne non lo è più quanto “farà male il dubbio di non essere nessuno”, quanto a quell’età faccia paura, ma allo stesso tempo sia naturale sbagliare, spinti dal desiderio di fare qualcosa di grande perché “sarai qualcuno se resterai diverso dagli altri”.

Ieri sera i Måneskin si sono esibiti live ad X Factor. Ecco la performance.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it