Libri. Il viaggio di Emmanuel Lepage ne' "Le isole ai confini del mondo"

Libri. Il viaggio di Emmanuel Lepage ne’ “Le isole ai confini del mondo”

I grandi classici del romanzo d’avventura si fondono al racconto di Lepage che restituisce al lettore un'esperienza intensa e carica di tensione emotiva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Roma – In tempi in cui viaggiare sembra sempre più difficile, i libri possono portarci lontano.
È il caso de’ Le isole ai confini del mondo di Emmanuel Lepage e in libreria per Tunué.
Per il mare – per capirlo e saperlo disegnare – e per i Territori del Sud – che sono come la promessa di un tempo che non è più – a marzo e aprile 2010, per diverse settimane, l’autore si è imbarcato sulla Marion Dufresne, con partenza da Saint-Denis de La Réunion, per fare il viaggio nel TAAF, le Terre australi e antartiche francesi. Nasce, così, Le isole ai confini del mondo che segna il ritorno dell’autore francese dopo Ar-Men.
I Territori del Sud: isole di Crozet, Amsterdam, Saint-Paule e le più famose  Kerguelen, precedentemente note come Isole della Desolazione. Coriandoli dell’impero, persi nell’immensità del blu a migliaia di chilometri da ogni terra abitata. Isole sconosciute, selvagge, inospitali, misteriose. Battute da forti venti, gli unici esseri umani sono gli scienziati, di tutte le discipline, venuti per missioni che possono durare diversi mesi, e i pochi soldati e appaltatori responsabili della gestione delle loro basi domestiche e di lavoro. Emmanuel Lepage, il bretone, non era mai stato per mare. Nel libro, infatti, domina la sensazione di piccolezza dell’uomo di fronte alle forze della natura. Negli acquerelli di Lepage viviamo la sorpresa della scoperta, l’emozione dell’avventura, e ci tornano in mente tutte le letture che da bambini ci emozionavano, il vento che gonfiava le vele dei vascelli, il pericolo scampato, l’approdo sull’isola misteriosa. I grandi classici del romanzo d’avventura si fondono al racconto di Lepage, che con il suo tratto insieme realistico ed epico, restituisce al lettore una esperienza intensa, vivida e carica di tensione emotiva.
 
Il graphic novel ha già vinto: il Sélection mars-avril 2011, la menzione speciale per il fumetto al Premio Corderie Royale-Hermione 2012, il Premio 2011 dei redattori di sceneario.com, il Premio per miglior graphic novel studenti scuole superiori della regione Midi-Pyrénées 2012. !IL LIBRO Emmanuel Lepage, è invitato, insieme a un’altra manciata di addetti stampa e turisti dell’estremo, a prendere parte alla spedizione della Marion Dufresne, la più grande nave da ricerca polivalente europea, deputata all’approvvigionamento delle isole subantartiche francesi: sotto la responsabilità delle Terre Australi e Antartiche Francesi (TAAF). Il racconto della vita a bordo e a terra, nelle basi scientifiche o sulle lande selvagge sferzate dai capricci degli elementi, dove tutto ruota intorno alla ricca fauna.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it