Ho 18 anni e vorrei avere informazioni sulla visita dal ginecologo.

Ho 18 anni e vorrei avere informazioni sulla prima visita dal ginecologo…

Buongiorno,
ho 18 anni e vorrei avere informazioni sulla visita dal ginecologo.
Sarebbe la mia prima volta, non ci sono mai stata, ma visto che da qualche mese ho dei rapporti ho deciso di andarci. Devo ammettere che ho un po’ di paura, cosa devo aspettarmi?
Posso entrare da sola o deve per forza entrare anche mia madre?
Che tipo di domande mi farà? Scusate le tante domande ma non so a chi chiedere e sul web si trovano un sacco di informazioni che mi danno più ansia. Vorrei andare quel giorno preparata e il più serena possibile.
Vi ringrazio

 

Anonima, 18 anni


Cara Anonima,
la prima visita ginecologica è importante quando si iniziano ad avere dei rapporti sessuali, non solo per controllare gli organi genitali ma anche per confrontarsi con uno specialista su tutti gli argomenti inerenti la sessualità tra cui eventuali sintomatologie, regolarità del ciclo, precauzioni e metodi contraccettivi indicati. 
Come te diverse ragazze raccontano di avere molte ansie e dubbi legati alla prima visita ginecologica, ed è naturale visto che è una visita tra le più intime, ma devi sapere che in genere i ginecologi sono piuttosto attenti alle modalità di conduzione della visita e sensibili rispetto al possibile imbarazzo che può provare la paziente, al punto che talvolta sono loro stessi a chiedere al genitore di uscire durante il colloquio e la visita. 
Se non ti sentissi del tutto a tuo agio all’idea di affrontare questa prima visita con tua madre potresti parlagliene e concordare prima con lei di entrare da sola o di farla uscire in un secondo momento.
In genere durante la prima visita ginecologica lo specialista approfondisce l’anamnesi facendo delle domande specifiche su eventuali patologie e su familiarità, sull’arrivo della prima mestruazione, sull’andamento del ciclo e se vi sono stati dei rapporti sessuali. A tal proposito potrebbe fare domande sulla sessualità per capire se vi sono dei sintomi come il dolore durante il rapporto, se fate uso di contraccettivi e potrebbe quindi valutare dopo la visita quello più indicato per te. 
A questa prima fase seguirà poi l’osservazione sia dei genitali esterni, che i genitali interni, per far questo il ginecologo pratica la palpazione, introducendo il dito indice in vagina e poggiando l’altra mano sull’addome, degli organi (utero e ovaie) per analizzare la loro posizione ed il volume, dopodiché utilizza uno strumento detto speculum inserito in vagina che serve per osservare l’interno della vagina, il collo dell’utero e le ovaie; potrebbe inoltre, esser necessario fare un’ecografia transvaginale con l’utilizzo di un gel lubrificante o un’ecografia esterna pelvica, esegue poi il pap test ed infine il ginecologo procede con la palpazione del seno che serve a sentire se vi siano eventuali anomalie.   
Durante la visita si potrebbe provare un certo fastidio o alcune potrebbero sentire un pò male, è molto soggettivo, il segreto sta nel provare a rilassarsi il più possibile cercando di non contrarre i muscoli in modo che tutto venga fatto più velocemente e non sentendo nulla.
Al termine della visita il ginecologo solitamente restituisce con un commento ciò che ha osservato ed è disponibile per ulteriori chiarimenti.
Se hai quindi delle domande da porgli o dei dubbi sulla visita o sull’esito, non sentirti in imbarazzo poichè è il medico alleato della salute femminile è quindi importante riferirgli i propri sintomi.
Speriamo che alla luce di queste informazioni, riuscirai ad arrivare più serena e preparata a questa prima visita così importante per te.
Un caro saluto! 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it