E’ sempre stata un po’ chiusa e poco integrata anche alle elementari...

E’ sempre stata un po’ chiusa e poco integrata anche alle elementari…

Buongiorno,
vorrei un vostro parere. Mia figlia ha 11 anni e frequenta la prima media. E’ sempre stata un po’ chiusa e poco integrata anche alle elementari. Anche quest’ anno sta facendo molta fatica, ho sbirciato sul suo telefono le chat di whatsapp e ho visto che è sempre lei ad iniziare le conversazioni con i suoi compagni di classe, e loro non rispondono o rispondono a malapena. Questa cosa mi ha ferita molto, come posso introdurre il discorso con lei? Perchè lei non me ne parla,  come se non le toccasse ma so che non è così, è solo molto chiusa. Vorrei aiutarla.
Grazie

Marisa


Cara Marisa,
ci arriva la tua preoccupazione nei confronti di tua figlia rispetto alle difficoltà di integrazione con i compagni e, quindi, il tuo desiderio di aiutarla nel superare questo impasse ed avere maggiori possibilità di socializzazione. 
Ci colpisce il fatto che tu possa sentirti ferita, sembrerebbe che ciò che hai scoperto attraverso il suo cellulare ti colpisse personalmente e richiamasse qualche sentimento di non accettazione e rabbia dentro di te; forse sono indizi importanti anche sul suo sentire. Probabilmente come madre senti che vorresti fare di tutto per evitarle situazioni spiacevoli e vorresti attivarti per vederla più serena. 
Ci sembra importante che tu possa confrontarti a scuola con gli insegnanti, per avere riscontro delle dinamiche di classe e sapere anche attraverso altri occhi come sta lei e come interagisce con gli altri; pensando eventualmente con la scuola a delle strategie a supporto della sua integrazione.  
Avendo maggiore chiarezza su cosa sta accadendo, potresti provare a parlarle con delicatezza: potresti chiederle come sta, dirle che senti che qualcosa non la rende serena e aiutarla quindi a tirar fuori quei vissuti che probabilmente nega per difficoltà di accettazione. Sarebbe importante sostenere tua figlia nell’elaborare i vissuti legati a questa situazione e al contempo supportarla nella socializzazione, dal canto vostro magari facilitando il contatto con i compagni anche negli orari extra scolastici; magari invitando qualche compagna a casa per svolgere i compiti insieme, nei limiti delle possibilità legati alla pandemia. 
Ma la cosa più importante, è cercare di capire come si sente tua figlia e come vive la situazione a scuola, non è detto che lei ne soffra. Inoltre, ci sembra che lei stia facendo un tentativo d’integrazione scrivendo nella chat, quindi forse va premiato il suo sforzo e va lasciata fare in autonomia, aspettando che sia lei a chiedere aiuto, in caso.
Probabilmente il periodo storico che stiamo attraversando non incide positivamente e non facilita la costruzione dei legami, ma dobbiamo pensare che questo momento passerà e adesso dobbiamo metter in campo tutte le risorse possibili per facilitare la socializzazione che in tempi normali i bambini e i ragazzi dovrebbero vivere come tappe di sviluppo fondamentali. 
Siamo sicuri che attivandoti personalmente, anche attraverso il sostegno della scuola riuscirai ad avviare un cambiamento a supporto di tua figlia. 
Un caro saluto! 
L’èquipe degli esperti

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it