AmaSanremo, l'intervista a Davide Shorty prima della sua esibizione

VIDEO| AmaSanremo, l’intervista a Davide Shorty prima della sua esibizione

Stasera l'ultima puntata del programma che lo vedrà gareggiare con "Regina"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – AmaSanremo arriva stasera alle battute finali. In seconda serata su Rai 1 si gioca l’ultima sfida per i due posti rimanenti tra i cantanti di Sanremo Giovani, la finalissima in programma il prossimo 17 dicembre. Tra i 4 ultimi talenti c’è Davide Shorty.

Il cantautore di Palermo partecipa con “Regina”, una canzone d’amore che racconta la storia di una giovane donna che si fa forza di fronte ai traumi e gli ostacoli che la vita le ha posto – e le pone – davanti. E di donne che hanno ispirato la caparbietà di Davide ce ne sono, una su tutte la mamma, come ha raccontato lo stesso artista ai microfoni di Diregiovani. 

L’INTERVISTA ↓

La storia cantata nel testo di “Regina” ci viene raccontata attraverso lo sguardo innamorato dell’artista che, fondendo diversi sound – dal rap al soul, dal funk alla tradizione cantautorale italiana – ci ricorda che la vita ci coglie sempre di sorpresa, nel bene o nel male. E proprio quando impariamo ad ascoltare e amare la nostra stessa bellezza, l’universo ci darà, in un modo o nell’altro, le risposte giuste. Il brano, prodotto e mixato da Tommaso Colliva, è nato in maniera spontanea e ancor più semplicemente è stato catapultato alle selezioni della kermesse. È bastata una semplice esclamazione di Davide: “Ve la immaginate sul palco di Sanremo?”.

“Il desiderio di vedermi a Sanremo– ha spiegato Davide- nasce dal fatto di voler condividere la mia musica con quante più persone possibili e Regina penso fosse il brano perfetto. Nel momento in cui abbiamo realizzato che fosse la canzone adeguata abbiamo coinvolto Tommaso Colliva, un’eccellenza italiana anche nel mondo per quanto riguarda la produzione, che ha cucito un vestito elegante e perfetto per una serata di gala. Non vedo l’ora, se il destino vuole, di portarla su quel palco”. 

La parentesi ad X Factor

Con questo brano Davide è pronto a dimostrare a tutti di non essere solo uno dei tanti concorrenti di X Factor, un’etichetta che – qualche volta – ha pesato come un macigno. “Non è stata tanto la fama il mio fardello dopo il programma quanto essere associato solo a X Factor e in un certo senso la perdita della mia identità di cantautore, produttore e di artista. L’essere associato a un certo contesto dove fondamentalmente si fanno solo cover”.

Ora per Davide è tutta un’altra storia: “Adesso sono pronto perché sto portando un pezzo mio, un qualcosa di cui sono sicuro al 100% e sono voglioso di condividerla. Sono pronto- ha dichiarato- anche a livello psicologico nell’affrontare delle pressioni che sicuramente sono più grandi di me ma che sono uno stimolo per crescere al meglio”.

La gara ad AmaSanremo

Davide stasera dovrà ‘vedersela’ con Folcast, Alioth e Galea. Ospite della puntata Leo Gassmann.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Davide Shorty (@davideshorty)

“Sono emozionato e un po’ nervoso”, ha svelato Shorty pensando all’esibizione dal vivo. “Non ho un gesto scaramantico– ha aggiunto- ma una cosa che farò sicuramente prima di salire sul palco è prendermi 10-15 minuti per meditare, respirare, chiudere gli occhi, immergermi dentro di me e trovare quello spazio mentale per poter dare il meglio”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it