Trapani, l’istituto Pertini dice no alla violenza sulle donne

La dirigente: "Il seme della tolleranza si alimenta in classe"

ROMA – Con una manifestazione dal titolo ‘La via della tolleranza…andiamo verso l’altro’, l’Istituto ‘Eugenio Pertini’ di Trapani, guidato dalla dirigente Maria Laura Lombardo, celebra la settimana dedicata all’attenzione verso l’altro con la sensibilizzazione contro la violenza sulle donne, mettendo insieme più eventi nazionali ai quali l’istituzione aderisce da diversi anni come Libriamoci, #Ioleggoperchè, #Insiemecontrolaviolenzasulledonne con il Progetto Cotulevi e la progettualità Erasmus Plus con il Progetto Thinking about the future.

Gli alunni e le alunne sono stati guidati in un percorso didattico educativo di riflessione sul concetto di tolleranza e sull’accettazione delle identità e delle diversità. Dopo la lettura di testi tratti dai libri ‘Ragazze con i numeri’ e ‘Wonder’, gli studenti più grandi hanno visto i film ‘Il diritto di contare’ e ‘Wonder’. Le varie attività hanno coinvolto tutti i plessi della scuola a partire dal 24 novembre, quando gli studenti hanno preso parte, in diretta Facebook, al progetto dal titolo ‘Dallo stalking al Codice Rosso’.

Ieri, 25 novembre, Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, gli alunni sono stati coinvolti in attività di ascolto, riflessione e produzioni grafico-creative, con la realizzazione di scarpe trasformate in vasi di fiori a testimoniare la forza di fiorire nonostante la violenza. I bambini hanno dedicato alla loro donna-mamma dei pensieri di scrittura creativa o artistici che esprimessero la considerazione del ruolo della donna in famiglia.

Oggi le classi terze della scuola secondaria saranno impegnate nella visione del documentario ‘Ferro, la vita di Tiziano Ferro’, dopo il quale seguirà una riflessione scritta. Domani, dopo la proiezione del film ‘Wonder’, si terranno dei laboratori di scrittura creativa con l’utilizzo di diversi linguaggi espressivi e il workshop ‘Tolerance is…esprimi la tua idea di tolleranza. Dalla teoria alla pratica’: i ragazzi dovranno realizzare un gesto di tolleranza verso l’altro.

“È un appuntamento fondamentale per la nostra istituzione scolastica che crede ed investe sul potere della scuola nel creare le coscienze- ha commentato la dirigente scolastica- I semi di tolleranza e di rispetto si alimentano tra le mura scolastiche e non possono che germogliare in percorsi didattici che hanno sempre un diretto contatto con l’interpretazione della realtà circostante. Cerchiamo di educare i ragazzi a pensare, ad ascoltare e a confrontarsi. Per questo conoscere e spiegare con il linguaggio adeguato tutto ciò che ci circonda, li aiuta a costruire la loro cittadinanza consapevole con equilibrio ed armonia”.

2020-11-26T12:49:29+01:00