Halsey: “Ai Grammy una nomination solo se paghi una tangente”

La star si aggiunge alla lunga lista di colleghi che si sono espressi contro le decisioni della Recording Academy

30 Novembre 2020

ROMA – Il Grammy gate sembra non avere fine. Dopo lo sfogo online di The Weeknd, escluso dalle nomination dell’edizione 2021, e i commenti di colleghi come Elton John, Kid Cudi e Drake, è Halsey a dire la sua contro la kermesse.

La cantante, anche lei fuori da ogni candidatura, ha dichiarato sui social come i Grammy funzionino solo in base a meccanismi legati esclusivamente alla “conoscenza delle persone giuste.

 “I Grammy sono un processo elusivo che riguarda spesso performance private dietro le quinte- ha detto la 26enne- la conoscenza delle persone giuste, campagne fatte con le voci di corridoio, con la giusta stretta di mano o con tangenti abbastanza ambigue da non sembrarlo”.

La Recording Academy farebbe, quindi, le sue scelte in base a criteri che non c’entrano sempre con “la musica, la qualità o la cultura”

“Nonostante sia entusiasta per i miei colleghi che hanno ricevuto un riconoscimento quest’anno – ha aggiunto la star-  confido in maggior trasparenza o in un cambiamento. In ogni caso sono sicura che questo post mi metterà per sempre in blacklist”.

La Recording Academy si è già difesa all’indomani della pubblicazione delle nomination dopo gli attacchi ricevuti. Uno su tutti quello di The Weeknd, quest’anno re delle classifiche con il suo disco “After Hours” e con la hit “Blinding Lights”: “I Grammy rimangono corrotti- ha scritto la popstar- dovete a me, ai miei fan e all’industria trasparenza”. 

2020-11-30T12:30:16+01:00