Ellen Page fa (di nuovo) outing: “Sono trans. Da oggi mi chiamo Elliot”

Il lungo post sui social
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ellen Page ha fatto il suo secondo outing. “Ciao amici, voglio condividere con voi che sono trans, i miei pronomi sono lui / loro e il mio nome è Elliot”. Queste le parole dell’attore canadese sui suoi profili social, amatissimo per l’interpretazione di Juno nel film omonimo, di Kitty Pryde in ‘X-Men: Conflitto finale’ e in ‘X-Men: Giorni di un futuro passato’, dell’architetto Arianna in ‘Inception’ di Chistopher Nolan e di Vanya nella serie Netflix ‘The Umbrella Academy’.

La mia gioia è reale, ma è anche fragile. La verità – ha continuato Page nel post – è che, nonostante mi senta profondamente felice in questo momento e sappia quanti privilegi ho, ho anche paura. Ho paura dell’invadenza, dell’odio, degli ‘scherzi’ e della violenza. Le statistiche sono sbalorditive. La discriminazione nei confronti delle persone trans è diffusa, insidiosa e crudele, con conseguenze orribili. Solo nel 2020 è stato riferito che almeno 40 persone transgender sono state uccise, la maggior parte delle quali erano donne trans nere e Latinx. Adoro il fatto di essere trans. E adoro il fatto di essere queer. E più sto vicino e abbraccio pienamente chi sono, più sogno, più il mio cuore cresce e prospera”, ha concluso l’attore firmandosi Elliot, che ha aggiornato il nickname dei social con il nuovo nome.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da @elliotpage

Questo è il secondo outing della star candidata al premio Oscar per Juno. Il primo risale al 2014 quando ha dichiarato di essere lesbica durante la conferenza annuale per i diritti Lgbt Time to Thrive della Human Rights Campaign Foundation

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it