Rilasciate le prime immagini della serie Netflix ispirata al Winx Club

Ed è subito: "Winx! La tua mano nella mia più forza ci darà"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Ve le ricordate Bloom, Stella, Aisha, Flora e Tecna del cartone animato Winx Club? Netflix riaccende la nostalgia dei suoi utenti con Fate: The Winx Saga. Firmata da Brian Young (The Vampire Diaries), la serie live action è ispirata al cartone animato italiano creato da Iginio Straffi e sarà composta da sei episodi, che debutteranno il 22 gennaio 2021 in tutti i Paesi in cui il servizio è attivo.

LA STORIA

La serie racconta le avventure di cinque fate che frequentano Alfea, il collegio di magia di Oltre Mondo. Le protagoniste dovranno imparare a gestire i propri poteri magici mentre affrontano l’amore, le rivalità e i mostri che minacciano la loro esistenza.

Fate: The Winx Saga, il cast artistico

Nel cast, Abigail Cowen nel ruolo di Bloom, Hannah van der Westhuysen nel ruolo di Stella, Precious Mustapha nel ruolo di Aisha, Eliot Salt nel ruolo di Terra, Elisha Applebaum nel ruolo di Musa, Sadie Soverall nel ruolo di Beatrix, Freddie Thorp nel ruolo di Riven, Danny Griffin nel ruolo di Sky, Theo Graham nel ruolo di Dane e Jacob Dudman nel ruolo di Sam. Nel cast artistico anche Eve Best, Robert James-Collier, Josh Cowdery, Alexander Mcqueen ed Eva Birthistle.

Fate: The Winx Saga, il cast tecnico

Fate: The Winx Saga è composta da sei episodi della durata di 60 minuti ciascuno diretti da Lisa James Larsson. Kate Ringsell si è occupata del casting. La serie è prodotta da Jon Finn. I produttori esecutivi sono Judy Counihan e Kris Thykier di Archery Pictures, oltre ad Iginio Straffi del Gruppo Rainbow. Wild Atlantic è co-produttrice.

LE PRIME IMMAGINI

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Lucrezia Leombruni
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it