Da quando è iniziato il virus sta sempre a casa e fuma molto più di prima…

Il mio ragazzo si fa le canne e a me non va bene. Lui dice che lo rilassano ma sinceramente io non riesco a stare con lui perché sembra che non ci sta con la testa. Da quando è iniziato il virus sta sempre a casa e fuma molto più di prima, a volte non ci vediamo perché a lui non va di uscire e preferisce restare a casa con i suoi amici sicuramente per fumare… Sinceramente mi sono stancata di questo suo comportamento, ma non so se lasciarlo o come fare a farlo ragionare, lui mi dice che sono io che non capisco, che le canne sono droghe leggere se le fanno tutti e non fanno male, ma io non penso sia così. Secondo voi ho ragione?

Anonima


Cara Anonima,
grazie per averci scritto. Comprendiamo quanto possa essere difficile gestire questa situazione, sembra tu ti senta tra due fuochi: da un lato l’amore per il tuo ragazzo, dall’altro la consapevolezza che questo suo utilizzo della cannabis in maniera così importante, lo stia destabilizzando.
Se è vero che la cannabis appartiene alle droghe leggere, è pur vero che in Italia al momento ne è vietato l’utilizzo se non per scopi terapeutici.
Ci sembra di capire che le canne siano diventate per lui uno strumento per staccare, per distanziarsi probabilmente da vissuti emotivi difficili da gestire. Questa pandemia ha scardinato grandi equilibri e diverse sono le strategie attivate per contenere angosce e paure.
Questa non deve essere una giustificazione ma può essere una altra chiave di lettura per confrontarti con lui. Se hai notato cambiamenti importanti negli atteggiamenti e nei comportamenti del tuo ragazzo, continua a confrontarti con lui e cercate di capire cosa vi stia tenendo davvero lontano.
Tutti i rapporti di coppia subiscono degli scossoni importanti che servono a far crescere o a capire che si ha bisogno di altro. Continua a condividere con lui le tue paure, le preoccupazioni, ciò che sta mancando al rapporto. Prova a mettere da parte il bisogno di chi sta nel giusto o nello sbagliato, il giudizio non vi aiuterà a comunicare davvero ciò che provate. Cercate di ritrovare una complicità e serenità che vi permetterà, poi, di affrontare con più calma argomenti anche difficili. Potresti anche consigliargli di confrontarsi con uno Psicologo. Questo spazio di supporto potrebbe aiutarlo a trovare strategie differenti di rilassamento in un periodo così complesso come quello che stiamo vivendo.

Un caro saluto!

23 Dicembre 2020